Non ho mai capito perché nei libri di geografia, arrivati al Veneto, non vi sia una sola riga su Longarone, il paese in provincia di Belluno, travolto dalla frana staccatasi dal monte Toc. E’ triste pensare che l’Italia non sappia tramandare alle giovani generazioni la propria storia. Eppure il disastro del Vajont è avvenuto il 9 ottobre del 1963, cinquant’anni fa. I nostri padri ricordano ancora la prima pagina del “Corriere della sera” con il titolo “L’onda della morte”. Stamattina nella mia quinta, abbiamo imparato il Vajont ascoltando Marco Paolini che per Rai2 in occasione del 34esimo anniversario della strage aveva raccontato il dramma avvenuto a Longarone. Lo abbiamo fatto leggendo insieme la fiaba del principe Toc e della principessa Acqua ideata dai ragazzi dell’istituto comprensivo del paese travolto dall’onda.

Non c’è nel libro di geografia. Non c’è nemmeno nel programma. Ma fare memoria è un dovere per chi insegna. Passare il testimone è ciò che dovrebbe fare chi si trova davanti dei ragazzi di 10, 11 anni.

Come si può parlare della Sicilia senza raccontare ai ragazzi della strage di Ustica avvenuta nel 1980 o degli sbarchi dei migranti che avvengono a Lampedusa ogni settimana. Quando si studia il Friuli nessun libro cita la risiera di San Sabba, campo di concentramento dove vennero uccisi prigionieri politici ed ebrei. L’Emila Romagna è la storia di una terra di Resistenza che ogni anno insegno raccontando di quelle 770 persone, donne, bambini e anziani che vennero uccisi a Marzabotto. Eppure oggi se chiedete a dei ragazzi di 13-14 anni di citarvi tre eventi della storia del Novecento è facile, com’è capitato a me, che vi risponderanno: “La morte di Steve Jobs, il lancio del primo iPhone, l’11 settembre 2001”.

Ecco perché non possiamo fare a meno di raccontare la nostra storia, chiudendo il libro di geografia e aprendo quello delle nostre esperienze. Nella speranza che vi sia una generazione di insegnanti che non ha perso il vizio della memoria.