Aveva perfino precisato di aver prenotato un volo di ritorno dal Mali per poter votare alle primarie. Romano Prodi non si è tirato di certo indietro e a metà pomeriggio è giunto nel centralissimo Circolo Pd Galvani di Bologna per esprimere la sua preferenza.

“Non dico per chi ho votato, non voglio influenzare gli altri elettori”. Il vincitore delle primarie di centrosinistra nel 2005 (oltre 4 milioni i votanti) è il primo ad essere entusiasta del metodo prima ancora della vittoria dell’uno o dell’altro candidato: “Sono precursore di questo scelta democratica in Italia e sono orgoglioso per queste primarie”.

Uno splendido isolamento quello del professore ulivista, oramai dedicatosi dal 2008 all’Onu con funzione di coordinamento sulle missioni di peacekeeping in Africa, tanto che pochi giorni fa aveva dichiarato: “Le polemiche tra Bersani e Renzi La disputa sui finanziamenti? La verità è che non ho seguito nulla di tutto questo. Per fortuna”.