Antonio Cortese è uno dei passeggeri dei due treni che si sono scontrati all’altezza della fermata Gioia sulla Linea 2 causando una decina di feriti e contusi. “Ero seduto per fortuna – racconta – Chi era in piedi ha fatto un volo anche di sette metri”. Tanta paura anche se, per fortuna danni limitati. “Dieci minuti dopo l’impatto, siamo stati informati che si trattava di un guasto, non di un incidente”. Una mezzora dopo i fatti, con il treno fermo in galleria sono arrivati i paramedici. “Gli abbiamo aperto noi le porte di emergenza e dopo le prime cure ci hanno fatto scendere in banchina”, conclude Cortese. Al momento l’ipotesi più accreditata è che lo scontro sia stato causato da un malore del macchinista, come conferma Raffaele Cattaneo, assessore regionale ai Trasporti  (lg)