Individuata proteina che regola quantità e grandezza dei globuli rossi. La scoperta di un gruppo di ricercatori del Whitehead Institute Founding Member Harvey Lodish, pubblicata sulla rivista “Genes and Development”, aiuterà a trovare trattamenti per combattere le anemie. Gli scienziati hanno mostrato che la proteina ciclina D3 regola il numero di divisioni dei progenitori cellulari dei globuli rossi, processo che ha una influenza sul numero finale e sulle dimensioni dei globuli rossi. 

La proteina funziona in modo diverso da individuo a individuo e agisce come una specie di orologio: in qualcuno fa scattare prima il momento di maturazione dei globuli rossi producendo una popolazione di globuli più grandi e in piccolo numero; in altre persone, invece, l’orologio scatta dopo molti cicli di divisione, portando a una popolazione di globuli rossi di grande numero anche se più piccoli. In ogni caso il sangue conserva di solito la sua capacità di portare ossigeno anche ai tessuti più distanti. Queste diverse tendenze hanno una origine genetica.