Dopo le dieci domande di Giuseppe D’Avanzo a Berlusconi e le dieci domande dell’Economist al Pd, ecco arrivare le dieci domande a Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. I cofondatori del Movimento 5 Stelle finiscono nel mirino degli ex grillini di Cento.

Il gruppo 5 Stelle della città del Guercino, dopo l’espulsione decretata da Beppe Grillo per aver difeso il consigliere ferrarese Valentino Tavolazzi, si erano dati un nuovo nome di battaglia andando “oltre” il Movimento 5 Stelle. Aggiungendo una Stella in più, quella della “coerenza”, al proprio logo e battezzandosi “Cento in Movimento”.

E come uno dei primi atti schiaffano in faccia al loro ex leader un decalogo di quelli che cercano delle risposte definitive ad altrettanti tanti punti interrogativi che da tempo circolano tra le base del Movimento.

L’intervento dei “Sei Stelle” parte con una precisazione scansa equivoci: “non siamo una lista “civetta” che vuole approfittare del momento, come faranno in tanti o peggio, ispirati da meri obiettivi di interesse personale per creare chissà cosa”. Ma si tratta, invece, di “cittadini ed attivisti del MoVimento 5 Stelle, diffidati quattro mesi fa da Beppe Grillo, all’uso del simbolo ed ancora oggi non ne conosciamo il motivo”.

E allora via con le richieste. Punto primo: “perché non esiste con voi (Grillo e Casalleggio, ndr) nessun tipo di dialogo e contradditorio, nemmeno in rete?”. Il blog e la sua gestione tornano anche nella seconda e terza questione: “chi sono le persone che formano lo “Staff“, come vengono scelte e chi le gestisce?” e “come mai il portale non è ancora attivo?”.

Si passa quindi al cuore del problema tra testa e braccio del Movimento: “che rapporti, oltre a quelli personali, legano Grillo alla Casaleggio & Associati? Come e da chi vengono decisi i post e le espulsioni?”.

La domanda numero sei pone una questione, probabilmente sconosciuta ai più, relativa ai diritti civili: “perché gli stranieri legalmente sul suolo italiano non possono iscriversi al M5S?”. Sul punto l’articolo 5 del Non-Statuto è chiaro: “Il MoVimento è aperto ai cittadini italiani maggiorenni che non facciano parte, all’atto della richiesta di adesione, di partiti politici o di associazioni aventi oggetto o finalità in contrasto con quelli sopra descritti”.

E ancora: “Come pensate di spegnere le derive a volte violente di alcuni che scambiano la rete per un ring?”.

Il gruppo centese termine il suo cahier de doleance con i punti che riguardano le politiche di primavera. “Come pensate di scegliere le persone da candidare alle prossime elezioni politiche? Con quali strumenti?”, “Come verrà redatto il programma nazionale del M5S? Da Chi? Quando?”, ma soprattutto “si va o no alle elezioni del 2013?”.