Una lunga carovana di agende rosse alzate al cielo. Un corteo che dal Castello Utvegio è arrivato alla facoltà di giurisprudenza. Così il popolo delle agende Rosse ha riempito le strade di Palermo per commemorare Paolo Borsellino e i ragazzi della scorta a vent’anni della strage di via d’Amelio. Tra i cori intonati dai manifestanti alcuni  che chiedevano le dimissioni di Giorgio Napolitano, altri contro il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri e l’ormai classico “fuori la mafia dallo Stato”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti