Inquietante la foto sui giornali di ieri: il sindaco Alemanno, sorriso sublime su fascia tricolore, si pavoneggia in prima fila fra le “scout”, nel corso della riesumazione dell’ennesima “marcia per la vita”.

Dietro di lui un cartello pulp-horror: “Ogni aborto è un bambino morto”. La manifestazione è ciclica e la composizione è fissa: un pugno di integralisti residuali, qualche trafficante dell’anima in cerca di visibilità, partiti vuoti in cerca di voti (vaticani). A ogni tornata elettorale, da più di 30 anni, la sacra brigata attacca, in nome della “vita”, l’unica legge davvero schierata “per la vita”, la 194, che ha ridotto il ricorso all’aborto del 60%, che ha azzerato il rischio di infezioni mortali legate alle pratiche clandestine, che ha preteso e difeso il diritto delle donne a diventare madri quando lo desiderano e non quando capita.

Sono due mondi che si contrappongono: chi difende la vita dell’embrione e per pompare emozione lo descrive come un bimbo. Chi difende la vita delle donne e, per perseguire l’obiettivo, ha, per esempio, raccolto migliaia di firme contro la trasformazione dei consultori del Lazio in tribunali dell’Inquisizione (legge Tarzia). Il sindaco Alemanno ascolterà anche queste cittadine o farà come la Polverini che non le ha neppure ricevute?

Il Fatto Quotidiano, 15 Maggio 2012