Un “ritorno al clima invernale anche sui mercati” e “l’urgente bisogno di dare maggiore attenzione al disagio sociale” che “speriamo possa essere rapidamente superato”. Giorgio Napolitano è intervenuto questa mattina al Quirinale nel corso della cerimonia per la presentazione del progetto ‘Energia per il sociale’ e ha portato l’attenzione sull’economia, visto che lo spread anche oggi ha toccato quota 400, oltre a chiedere nuove misure per l’occupazione. Per il Capo dello Stato, infatti, viviamo un “quadro cupo internazionale ed europeo nel quale rientra anche il nostro Paese”.

“C’è urgente bisogno di dare maggiore attenzione al disagio sociale che risulta chiaramente dai dati”, ha detto, e che coinvolge la famiglia, i nuovi poveri e i giovani non occupati. Un fenomeno che “non può non allarmarci” e manifesta il “quadro cupo internazionale ed europeo nel quale rientra anche il nostro Paese”. Pertanto, ha aggiunto, “se ne tenga conto in Parlamento al momento in cui si discuterà la riforma del mercato del lavoro“. Questo dovrà essere “trasparente, efficiente e regolato per creare le condizioni per una maggiore occupazione tra i giovani”.

Di fronte alla crisi che pare riaccendersi “non basta invocare la crescita”. Quelli attuali sono “dati inquietanti non solo per l’Italia“, spiega il Capo dello Stato, “e ci assilla il tema del rilancio della crescita produttiva e occupazionale”. Questo, però, non basta. “Non basta questa invocazione, come se non ci volesse altro che volontà e determinazione”, ha aggiunto il Capo dello Stato, una invocazione “talvolta un po’ fastidiosa e vacuamente polemica, come se ci fossero sordità al riguardo e fosse chiuso il capitolo dell’austerità”. Il fatto è che “non c’è crescita che possa reggere senza l’innovazione in tutti i suoi aspetti e non meno importante è la coesione sociale”.