Parte da Montenero di Bisaccia la raccolta firme dell’Idv per il referendum per abrogare la legge elettorale. Le prime firme sono state raccolte nella masseria di Antonio di Pietro, in provincia di Campobasso, in occasione dell’annuale Festa sull’Aia con la quale il leader del partito incontra, nella sua casa, dirigenti e militanti. E al fianco dell’Italia dei Valori si schiera anche Nichi Vendola che, per cancellare il “porcellum” lancia una grande manifestazione a Roma per il primo ottobre. Prima Di Pietro dal trattore poi Vendola dal sito internet di Sel, hanno così aperto una corsa di due mesi per raccogliere le firme necessarie per una nuova legge elettorale.

Il referendum, ha detto il leader dell’Idv, “è l’unico sistema per indurre il Parlamento a modificare questa legge elettorale che ha arrecato danni alla democrazia e al Paese. Invece di aspettare le nuove elezioni e quindi un nuovo Parlamento che poi riformi il sistema di voto, noi crediamo che il referendum sia il giusto pungolo per lavorare subito alla soluzione. Da oggi – conclude Di Pietro – siamo anche impegnati per il referendum abrogativo delle province, che noi chiediamo da sempre. L’Italia deve tagliare spese inutili e sprechi, se vuole ritrovare stabilità finanziaria e utilizzare risorse per lo sviluppo”.

Nella lettera appello, invece, Vendola parte dalla crisi economica e arriva all’Italia che “affoga in un post-berlusconismo fatto di macerie e di qualunquismo, la sinistra si consegna alle bancarelle come un gadget per turisti. Non possiamo star fermi, assistere a questa discesa agli inferi senza reagire”, scrive. “Le giovani generazioni – prosegue Vendola – e parti rilevanti di opinione pubblica chiedono un segno tangibile, credibile, radicale di cambiamento. Scontiamo anche la poca credibilità di una rappresentanza parlamentare ostaggio delle nomenclature di partito, con un sistema elettorale che riesce a umiliare i principi del pluralismo democratico non garantendo alcuna stabilità politica”.

Per la somma di queste ragioni, Vendola chiede di predisporre i banchetti per la raccolta delle firme per promuovere un nuovo referendum per abrogare il porcellum “legge-vergogna”, e porre il tema di un nuovo sistema elettorale. Ignorare la crisi della democrazia comporta, per Vendola, conseguenze gravi per la qualità e la moralità della politica. “E il primo ottobre noi di Sinistra Ecologia Libertà – conclude Vendola – prepariamoci a riempire una grande piazza di Roma. Fare piazza, intrecciare parole di verità e di ribellione, rendere visibile la voglia di cambiare, aiutare l’Italia migliore a uscire dal guscio della paura e del rancore. Il tempo dell’alternativa è ora”.