A me – personalmente – Mara Carfagna fa pure un po’ di pena. Questa ragazzotta dalla bellezza plastificata, assurta al rango ministeriale esclusivamente per meriti estetici, con gli occhi perennemente spalancati e l’espressione di chi non riesce minimamente a capacitarsi di dove sia andata a capitare.

Direte voi: altro che pena, a questa tipa senz’arte né parte sono piovuti dal cielo i benefici, stralussuosi annessi e connessi all’entrata nell’empireo della politica, tra macchine blu con autista ed emolumenti stratosferici; quando i suoi coetanei e coetanee lottano quotidianamente tra disoccupazione e precariato. Ma – se ci pensate bene – la sua è una posizione altrettanto precaria, strettamente dipendente dalla benevolenza e/o dai capricci del benefattore/protettore. Precariato di lusso, ma con quanto stress per tenerselo ben stretto…

In effetti lei ce l’ha messa tutta per sembrare un vero ministro, ha strizzato le forme in austeri completini grigi, ha tentato di legiferare (con qualche cortocircuito di coerenza biografica nel caso della legge anti-prostituzione: reprimere il commercio del proprio corpo esclude i calendari per camionisti? Quasi letterario: la donna perduta, una volta redenta, che diventa bigotta e sessuofoba). Ma resta sempre un fenomeno da baraccone, da circo Barnum: “la ministro più bella del mondo” come “la donna barbuta” o “la sirena con la coda da pesce”.

Quando poi ha preteso di esercitare un ruolo effettivo, è stata ricacciata con gravi perdite: vedi lo scontro con i cacicchi del Pdl in Campania, la sua regione. Chiacchierate frequentazioni con un reprobo finiano – il furetto Bocchino – sono diventate la clava per metterla in riga. Tanto che il suo matrimonio borghese, socialmente accreditante, con un costruttore romano è ora a rischio; mentre in lei cresce l’ansia per le lancette dell’orologio biologico che continuano a correre, mettendo a repentaglio il sogno di maternità come status irrinunciabile per una donna del sud più tradizionale: l’effimero della bellezza stabilizzato nell’eternità familistica.

In effetti la povera Carfagna è l’esemplificazione più palese della funzione puramente decorativa cui il machismo italiano, nella versione parossistica del berlusconismo, destina il genere femminile. Guai a manifestare un qualsivoglia pensiero indipendente: la presuntuosa che non sta al suo posto di soprammobile sarà immediatamente bacchettata. Come quell’altra belloccia, la Ministra–tappezzeria Stefania Prestigiacomo che aveva dato un timido segno di indipendenza, protestando per la destinazione all’inutilità del proprio ministero: dopo qualche ora se ne tornava piangendo all’ovile.

Magari ci si diverte a scagliarle contro un’altra fanciulla. Nel caso della Carfagna l’ennesima miracolata: Alessandra Mussolini (rilevante solo per il cognome che porta e per i labbroni enfiati dall’abituale concitazione). La loro rissa è terminata tra l’ilarità del pubblico maschile con lo scambio dell’epiteto “vaiassa”. Non so cosa significhi ma capisco trattarsi di un insulto da suburra partenopea (molto rivelatore del rispettivo mileux in cui sono cresciute).

Certo – potreste commentare – se la sono voluta loro. È vero. Ci sono donne di ben altro livello, che si fanno valere senza rinunciare a un briciolo della propria dignità. Ma queste politicanti da intrattenimento sono il sintomo di una mentalità che torna a imporsi quale criterio di posizionamento gerarchico dei sessi. Una mentalità da barzelletta. Quelle barzellette da bar che piacciono tanto al nostro premier, in cui le donne non sono altro che “portatrici di organi sessuali” (tranne la propria madre, onorata come riproduttrice di figli, possibilmente maschi). Per questo piacciono le bambolone indifese, come quelle che popolano l’harem di Arcore o palazzo Grazioli (anche se poi, tanto indifese non si sono rivelate, vista la capacità di passare all’incasso): le Ruby Rubacuori, le Nicole Minetti. Ragazze di periferia molto sullo sguaiato; il tipo femminile che rivela il criterio estetico (pecoreccio andante) degli estimatori, ma anche la loro innegabile vulnerabilità. La garanzia per gli “utilizzatori finali” che si può impressionarle, poi manipolarle, a poco prezzo.

Negli anni Sessanta, tra i vitelloni di allora era di moda fare la caccia alle commesse dei grandi magazzini; da conquistare con regaletti tipo il campioncino di profumo o l’anellino da bancarella. Silvio Berlusconi – nonostante il mezzo secolo trascorso – è rimasto quello di allora. Difatti pensava di premiare “la disponibilità” con bigiotteria da quattro soldi e la promessa di una comparsata televisiva. Per talune persino la carriera in politica a spese dei contribuenti. Soltanto che questo sistema non funziona più, le ragazze si sono fatte furbe e hanno cominciato a spillare parcelle milionarie all’infoiato nonnetto, vitellone fuori tempo massimo.

Ma tanto le ministre come le arcorine restano povere creature da compiangere, a fronte dello squallore dei maschi con cui si interfacciano loro malgrado.