Questo federalismo è irricevibile. Lo dice Napolitano. La bocciatura solenne di metodo si aggiunge a quella di merito data ieri dalla Commissione bicamerale. Non sappiamo cosa succederà ora. Sappiamo quello che è successo ieri. Il governo, dopo la bocciatura della bicamerale, cedendo all’ennesimo ricatto della Lega, alla quale, giunti a questo punto, interessa solo di piantare una bandierina qualunque in vista di probabili elezioni, ha convocato in fretta e furia un Consiglio dei ministri alle 8 della sera e ha riadottato lo stesso provvedimento.

Poco conta che questo modo di procedere sia incostituzionale, come confermato oggi dal Quirinale, poco conta che si sia calpestata la volontà del Parlamento. Sappiamo bene che a lor signori delle regole e della costituzione poco importa. Ma il problema vero, a questo punto, è rappresentato dal fatto che qui si stanno scrivendo le regole che reggeranno lo Stato per i prossimi decenni e che, a seconda che siano buone o cattive, consentiranno il rilancio del Paese oppure lo affosseranno per sempre.

Italia dei Valori si è sempre assunta la responsabilità di dire con chiarezza, e poi di votare in modo conseguente, che noi nel federalismo crediamo davvero perché lo vediamo come uno strumento straordinario di moralizzazione della spesa pubblica e di responsabilizzazione dei pubblici amministratori. Il problema è che fino a qui non dico che si sia scherzato, ma poco ci è mancato, nel senso che sono state approvate sempre e solo norme quadro, insomma principi generici, senza un solo numero o una sola scelta concreta.

Il federalismo municipale era il primo vero banco di prova per capire se questa riforma del centrodestra sarebbe stata un vero federalismo oppure no e subito… è cascato l’asino. La riforma toglie, se è possibile, ancora più autonomia ai Comuni e centralizza ancora di più nella mani dello Stato le scelte tributarie.  Non c’è nessuna possibilità di controllo degli elettori sugli eletti, nessuna speranza di responsabilizzazione degli amministratori, in quanto non si è scelta la strada trasparente d’istituire un’unica imposta comunale, nella quale far confluire tutte le entrate, ma, al contrario, si è accentuato l’attuale spezzatino, per cui ai Comuni spetteranno compartecipazioni in decine d’imposte statali, senza che i cittadini possano minimamente capire quanti soldi ha incassato il Comune e come li ha spesi.

Ma non basta. Smentendo clamorosamente la promessa ventennale che con il federalismo le tasse sarebbero scese, questo decreto prevede nuove e maggiori tasse, a valanga, per tutti. L’Ici sulle attività produttive raddoppia e sulle seconde case aumenta, e di molto. L’addizionale Irpef aumenta. In più viene introdotta una tassa di scopo, che ogni Comune potrà applicare, come e quando vorrà. Viene introdotta una nuova tassa di soggiorno e così il turismo italiano, che sconta la fiscalità più punitiva d’Europa, verrà ulteriormente penalizzato. Gli unici a venire avvantaggiati sono i proprietari immobiliari, ma non quelli proprietari della casa in cui vivono, bensì solo quelli che ne hanno tante altre e che le affittano, e che su questi redditi non pagheranno più l’Irpef, ma un’imposta fissa del 21%. Insomma si penalizzano le attività produttive e si premiano le rendite socialmente improduttive. Complimenti!

Qualcuno potrebbe obiettare che quasi tutti gli aumenti d’imposta sono facoltativi e che i Comuni potrebbero decidere di non applicarli. Peccato però che, con la manovra finanziaria del 2010, lo Stato abbia tagliato loro i fondi per 6 miliardi di euro solo nel 2011. Sicché, se vorranno chiudere i bilanci e non presentare i libri in tribunale, gli aumenti d’imposta avranno bisogno di usarli tutti, fino all’ultimo. Ecco, in sintesi, in cosa consiste l’imbroglio che chiamano federalismo.