Nelle intercettazioni delle telefonate tra le ragazze di Arcore c’è un insistente riferimento a “lui”. E’ “lui” che si occupa di aiutare Ruby a uscire dalla Questura, “lui” che approva al ragionier Spinelli i pagamenti degli affitti in via Olgettina. Insomma, “lui” è il riferimento, secondo i magistrati, a Silvio Berlusconi.

Ma nelle nuove carte della procura di Milano un “lui” che si spinge a suggerire di denunciare il furto dell’auto di Nicole Minetti: sulla Mini verde del consigliere regionale è stato fermato e arrestato Ramirez della Rosa, fidanzato di Marystelle Polanco, per il possesso di 11,7 chili di cocaina. Droga trovata e sequestrata dalla Guardia di Finanza in parte nei garage di via Olgettina e in parte in un’abitazione. Cocaina, hanno accertato gli uomini delle fiamme gialle, di proprietà di Ramirez, compagno di una delle ragazze di Arcore nonché amica di Nicole Minetti. Tanto che l’ex igienista dentale le lascia la propria auto in prestito. Ma l’arresto manda nel panico Marystelle e Minetti, che si sfoga di quanto accaduto con le alcune delle giovani di via Olgettina. In una conversazione telefonica, intercettata dagli inquirenti, Barbara Faggioli dice a Minetti di aver sentito “lui” che le suggerisce di fare denuncia per il furto dell’auto.

Si tratta sempre di Silvio Berlusconi? Rispondere a questa domanda è fondamentale. Infatti il premier ha continuato a frequentare e avere rapporti con Marystelle, fidanzata di un narcotrafficante. Non solo, ma il Cavaliere si è anche prodigato per aiutarla a risolvere problemi legati alla cittadinanza dandole il telefono del prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi. La ragazza chiama così il prefetto, ma dalla segreteria di quest’ultimo non glielo vogliono passare. Polanco insiste: “Questo numero me lo ha dato Berlusconi”. Così Gian Valerio Lombardi arriva subito al telefono e fissa un appuntamento alla ragazza per il 13 gennaio spiegandole che può entrare “direttamente in Prefettura con la macchina”.