san precarioL’idea di creare un Santo è sorta durante un’assemblea di precari e precarie a Trento il 18 gennaio 2004; poi è stata declinata da Chainworkers insieme ai lavoratori del Comune di Milano, dell’Auchan, del Piccolo teatro e da fratelli e sorelle sparsi per tutta Italia. San Precario è nato e apparso per la prima volta la domenica del 29 febbraio 2004 in un Ipercoop di Milano, ma la sua definitiva consacrazione è avvenuta durante l’Euromayday, la manifestazione del primo maggio precario che da dieci anni porta in piazza i precari d’Europa.

Lì il Santo ha aperto un corteo festoso composto da 100.000 precarie e precari. Da allora è stato usato, moltiplicato e santificato da centinaia di gruppi di lavoratori, ha spopolato in rete è sceso in piazza in tutta Italia, ha protetto i suoi fedeli e fatto tremare i loro sfruttatori.
La rete di San Precario, molto radicata soprattutto in Lombardia, unisce collettivi, attivisti, lavoratori e lavoratrici di ogni settore. Promuove il primo maggio precario, l’Euromayday, (che si svolge anche in una ventina di città europee), offre assistenza legale, sostiene i conflitti, promuove convegni sul reddito, crea campagne comunicative per i diritti, promuove momenti di dibattito e discussione, come gli Stati Generali della Precarietà, andati in scena a Milano nel mese di ottobre 2010.

San Precario è l’icona pop della generazione precaria ed è un’espressione libera e indipendente da ogni partito e sindacato.

Da oggi il Santo si manifesterà anche sulle pagine virtuali del Fatto Quotidiano, che noi ringraziamo: per dare visibilità a tutti i precari e le precarie e far risuonare alta la loro voce.