Il governo ottiene la fiducia per 314 voti a 311. Come è potuto accadere? E’ solo colpa degli Scilipoti, dei Razzi, delle Polidori? Non è forse stato concesso un tempo così lungo da permettere di organizzare il mercato? Non si è forse data l’impressione di sospendere la democrazia? Chi non ha battuto ciglio? Ai posteri…con quel che segue.

Giudocrazia

Era ammalata la democrazia
in un paese dove il Parlamento
è stato condannato all’afasia
per evitare il disastroso evento

della caduta di un governo morto.
La malattia purtroppo si è aggravata
con il provvedimento malaccorto
di una sentenza a dopo rinviata

da una Consulta molto timorosa
di perturbare un turpe statu quo:
disturbar il figliol di mamma Rosa
ch’è in critici frangenti non si può…

E’ tutto pronto per l’estrema unzione:
la Camera diventa un gran mercato
aperto ad ogni vil contrattazione
per conquistare qualche deputato.

Nel silenzio di chi vuol tutto quieto,
si sviluppa ogni turpe trattativa
finché ad un governo già al tappeto
una fiducia comperata arriva.

Sono in molti che cantano vittoria:
il primo è l’attempato capellone
per pochi giorni ancora di baldoria
prima di optar fra Antigua e la prigione.

Altri sono coloro che un  tesoro
si sono turpemente Scilipato
facendosi alla grande i Razzi loro,
dopo aver dell’onor fatto mercato.

E l’ultimo è un patetico vecchietto
che, senza ribaltoni né elezioni,
tranquillo dormirà nel proprio letto.
Democrazia? E’ roba da coglioni.