Un nuovo progetto pronto, chiuso nel suo cassetto. Il sindaco di Adro Oscar Lancini rilancia la sua battaglia “simbolica”, un progetto da circa 100 mila euro: un mega Sole delle Alpi, alto sette metri, da porre nel mezzo di una rotatoria. La particolarità che rende il prezzo così alto è il materiale indicato, un cemento autopulente dell’Italcementi. A rivelare l’idea, il quotidiano Brescia Oggi.

“Quando a fine 2006 richiedemmo l’autorizzazione a piazzare un gigantesco Sole delle Alpi in quella location alla Prefettura e alla Provincia nessuno ebbe nulla da ridire. Né gli uffici tecnici della Provincia di Brescia che, lo ricordo, nel 2006 aveva come presidente un esponente del PdL come Alberto Cavalli, non il nostro Daniele Molgora, né tantomeno il Prefetto di Brescia Francesco Paolo Tronca”. I due enti diedero l’autorizzazione all’inizio 2007 anche sulla base di una ricerca del Centro Studi Storici Lombardi, che bollò il soggetto come simbolo degno di un monumento su un’opera pubblica stradale.

Eppure, da allora, non è stato ancora fatto. Mancano i soldi, ma “se qualche sponsor vuole finanziarlo, siamo pronti a realizzarlo che domani mattina”, afferma il sindaco Lancini.