Invece di dare pubblicità alle gesta di un teppista da stadio preferisco ricordare alcune parole del padre della non-violenza.

La natura umana realizza se stessa soltanto quando comprende pienamente che per essere veramente umana deve cessare di essere bestiale o brutale. Pur avendo delle sembianze umane, finché non acquistiamo la virtù della non-violenza noi continuiamo ad essere come il nostro più antico antenato, l’orangutang”.

Il genere umano può liberarsi dalla violenza soltanto ricorrendo alla non-violenza. L’odio può essere sconfitto soltanto con l’amore. Rispondendo all’odio con l’odio non si fa altro che accrescere la grandezza e la profondità dell’odio stesso”.

Questi pensieri di Gandhi, seguono casualmente il post precedente in cui riportavo le profonde parole di Dietrich Bonhoeffer (il teologo che fu ucciso nel lager di Flossenburg per aver cospirato contro Hitler).

Mi piace provare a riflettere sugli accadimenti quotidiani attraverso i pensieri di due persone serie.