“Temo che non sarà l’ultimo attentato”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni in riferimento all’agguato sventato giovedì sera contro il direttore di Libero Maurizio Belpietro.

Il ministro leghista di dice “preoccupato per questo clima che genera episodi come questo”. “Bisogna abbassare i toni, perché certe affermazioni, certe accuse, che si leggono spesso su alcuni siti Internet, possono dare a qualche mente malata lo spunto per fare queste cose”, ha osservato il titolare del Viminale arrivando a Varese per l’inaugurazione dell’ufficio del giudice del nuovo informagiovani.

Nel frattempo fa sapere che dal Viminale hanno già “intensificato la sorveglianza, non solo per Maurizio Belpietro, ma per altri soggetti considerati a rischio”. Maroni andrà alla prefettura di Milano lunedi’ pomeriggio per partecipare ad una riunione “anche per fare il punto sulla situazione” dopo l’episodio accaduto al giornalista.