Severodonetsk è isolata, Mosca: “Corridoio umanitario per i civili dentro Azot”. I russi avanzano anche a Kharkiv – La diretta

Draghi: “Italia sostiene il desiderio di Kiev di entrare in Ue”. Zelensky a Scholz: "Ci servono certezze sul sostegno tedesco". Poi avvisa: "La battaglia nel Donbass una delle più brutali d'Europa". Lysychansk resta attualmente la sola roccaforte di Kiev nel Luhansk

Aggiornato: 10:46

  • 23:18

    Stoltenberg: “L’Ucraina ha bisogno di più armi pesanti”

    L’Ucraina ha bisogno di “più armi pesanti”. Lo ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in visita nei Paesi Bassi. Stasera Stoltenberg ha partecipato ad una cena di lavoro ospitata dal primo ministro olandese, Mark Rutte, e dal premier della Danimarca, Mette Frederiksen, presso il Catshuis, all’Aia.

  • 22:13

    Kiev: “Nessuna conferma sulla visita Draghi-Macron-Scholz”

    “Noi abbiamo visto solo gli annunci sui media ma ad oggi io non ho alcuna conferma a riguardo”. Così Oleksiy Arestovich, vice ministro ucraino della Difesa e consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, risponde in un’intervista a Porta a Porta, in onda stasera, alla domanda se sia confermata la visita a Kiev di Mario Draghi, Emmanuel Macron e Olaf Scholz. Sulle aspettative rispetto alla visita dei tre leader, Arestovich precisa: “Va diviso quello che ci aspettiamo e quello che otterremo: noi stiamo aspettando l’arrivo di armi soprattutto quelle pesanti perché è l’unica possibilità di fermare la guerra che minaccia anche l’Ue e porterà a nuove Bucha in Ucraina ma credo che ci proporranno di aiutarli a salvare la faccia a Putin”. “L’occidente – aggiunge – commette un grandissimo errore sulla psicologia di Putin che ha la psicologia di una persona mafiosa, lui capisce solo il linguaggio della forza”.

  • 21:49

    Biden: “Costruiremo silos di grano al confine con l’Ucraina per l’export”

    Gli Usa costruiranno silos temporanei al confine con l’Ucraina per facilitare l’export del grano ucraino nel mondo, ora bloccato dal conflitto con la Russia. Lo ha annunciato Joe Biden parlando a Filadelfia.

  • 19:22

    Kiev: “Ricevuto il 10% delle armi chieste all’Occidente”

    L’Ucraina ha ricevuto “circa il 10% delle armi” che ha chiesto ai suoi partner occidentali per combattere contro l’esercito russo. Lo ha affermato il ministero della Difesa ucraino. “Delle armi di cui abbiamo bisogno, abbiamo ricevuto circa il 10%”, ha detto alla televisione ucraina la viceministra della Difesa Anna Maliar. “Non importa quanti siano gli sforzi fatti dall’Ucraina, non importa quanto sia professionale il nostro esercito, senza l’aiuto dei partner occidentali non saremo in grado di vincere questa guerra”, ha affermato Maliar secondo la quale “devono essere fissate scadenze (per le consegne) chiare”, “perché ogni giorno di ritardo è un giorno in più contro la vita dei soldati ucraini, del nostro popolo”.

  • 19:14

    Mosca: “Incontro Putin-Biden non in agenda”

    “Non è in agenda” un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e quello americano Joe Biden. Lo ha chiarito il consigliere del Cremlino Yuri Ushakov, secondo il quale non è invece escluso un incontro tra Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ma “va preparato”. “Nessuno è contrario a questa opportunità, ma richiede condizioni appropriate e, ancora più importante, necessita di una preparazione molto molto attenta”, ha aggiunto.

  • 19:13

    Respinto un attacco russo a Bakhmut

    Nella direzione di Bakhmut, nell’area di Berestovo, i soldati ucraini hanno respinto un assalto russo, hanno inflitto perdite agli invasori costringendoli a ritirarsi nelle posizioni precedentemente occupate. Attualmente sono in corso, da parte dell’esercito russo, operazioni d’assalto nell’area dell’insediamento di Golden. Lo rende noto lo stato maggiore dell’Apu (le forze armate ucraine).

  • 19:07

    Cavusoglu sente Stoltenberg sull’allargamento della Nato

    Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha avuto un colloquio telefonico con il Segretario generale della Nato Jens Stoltenberg a proposito dell’allargamento dell’Alleanza Atlantica. Lo rende noto il ministero degli Esteri di Ankara.

  • 18:55

    Biden: “Lavoriamo a un piano per far uscire il grano via treno”

    “Stiamo lavorando a un piano per far uscire il grano dall’Ucraina via ferroviaria”. Lo afferma il presidente Joe Biden.

  • 18:54

    49 cittadini britannici nella blacklist di Mosca

    La Russia ha inserito in una lista nera 49 cittadini britannici inclusi funzionari della Difesa e giornalisti della Bbc, Financial Times, Guardian e Sky News che non potranno entrare nel Paese. Ne ha dato notizia in un comunicato il ministero degli Esteri russo. I cittadini britannici ai quali è vietato l’ingresso in Russia sono accusati di “diffusione deliberata di informazioni false e unilaterali sulla Russia e sugli eventi in Ucraina e nel Donbass” e di contribuire alla russofobia nella società britannica, riporta il Guardian. Nel comunicato del ministero degli Esteri russo si afferma che il bando è una risposta alle sanzioni occidentali e alle pressioni sugli organi di stampa russi all’estero. 

  • 16:10

    Depuato di maggioranza turco: “Pronti a ritardare di un anno l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato”

    La Turchia resta convinta che Svezia e Finlandia non debbano entrare a far parte della Nato per il loro sostegno al terrorismo ed è pronta a impegnarsi per ritardare di un anno il loro ingresso nell’Alleanza Atlantica. Lo ha detto il presidente della Commissione affari esteri del Parlamento di Ankara e deputato dell’Akp, Akif Cagatay Kilic, sostenendo che “questa è una questione di vitale interesse nazionale e siamo pronti a impedirne l’adesione fino a un anno, se necessario”. Il deputato ha quindi dichiarato che “la Turchia è il secondo esercito più grande della Nato e ha fornito i droni che aiutano l’Ucraina a difendersi. Meritiamo maggiore rispetto”. 

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui