Il governo Meloni è maglia nera nelle risposte al Parlamento. Fino a oggi, solo il 27,2% delle interrogazioni e delle interpellanze presentate da deputati e senatori hanno ricevuto un riscontro: 238 su 875. È il livello più basso delle ultime tre legislature e degli ultimi sette esecutivi. I ministeri più “sordi” alle richieste di chiarimento da parte di parlamentari sono l’Interno, retto da Matteo Piantedosi, che ha dato soddisfazione solo a 10 quesiti e ne ha lasciati inevasi 95, e quello delle Infrastrutture, guidato da Matteo Salvini, con 17 risposte e 80 “silenzi”. Va detto che si tratta dei ministeri che ricevono più interpellanze e interrogazioni in assoluto. Ne ha ricevute solo 13, invece, la Presidenza del Consiglio, al cui vertice siede Giorgia Meloni, ma soltanto a una ha dato risposta.

Sono alcuni dei dati elaborati da Openpolis, che ha esaminato i cosiddetti “atti di sindacato ispettivo” del Parlamento nei confronti dell’esecutivo. Vale a dire le interrogazioni, attraverso le quali uno o più parlamentari chiedono al governo delle informazioni specifiche, e le meno frequenti interpellanze, atti più politici che spingono l’esecutivo a prendere posizione su un certo tema. Non è che i governi precedenti abbiano brillato. Il più diligente è stato l’esecutivo guidato da Matteo Renzi, che ha dato un riscontro al 33,17% degli atti di sindacato ispettivo. Poco più di quanto hanno fatto il Conte I (33,03%) e il governo Draghi (32,94%).

La questione è tecnica solo fino a un certo punto. “Interrogazioni e interpellanze in molti casi possono avere anche anche un valore simbolico, dato dal fatto che una questione viene portata all’attenzione delle aule parlamentari e dell’opinione pubblica”, osserva Openpolis. “Questo, e il loro alto numero in termini assoluti, ha portato negli anni i governi a non dare sempre seguito alle richieste di chiarimento presentate”.

Sullo sfondo c’è la continua perdita di importanza del Parlamento eletto dai cittadini rispetto alle decisioni del governo: “Questa tendenza, unita al sempre più frequente ricorso a decreti legge e questioni di fiducia, evidenzia ancora una volta la crisi del nostro sistema politico”, rimarca Openpolis. “In cui la principale assemblea rappresentativa ricopre un ruolo sempre più marginale”.

Articolo Precedente

Migranti, il governo riesuma i decreti Salvini con gli emendamenti al dl Cutro: niente servizi di integrazione per i richiedenti

next
Articolo Successivo

Influencer attacca i colleghi che fingono di partecipare al Coachella: “Molti portato i loro c**i nel deserto per scattare foto su Instagram”

next