Walter Massa è stato eletto nuovo presidente dell’Arci durante il 23esimo congresso. “Cura e prossimità – ha detto Massa durante il suo primo intervento – sono state le priorità di questi mesi pre e post pandemici e dovranno essere il motore che ci guiderà anche nel prossimo futuro”. Massa, 50 anni, genovese, ha trascorso buona parte della sua vita dentro l’Arci, a cui è iscritto dal 1990.

È stato animatore di circolo e dirigente della sede di Genova, tra il 2000 e il 2008. Successivamente, è stato eletto come presidente di Arci Liguria dal 2008 al 2018 e nel biennio 2021-2022. Dal 2021 è anche direttore generale del Consorzio Officine Solidali, promosso da Arci nazionale e da altri 23 enti aderenti all’Arci presenti su tutto il territorio nazionale.

“Abbiamo un compito difficile da svolgere che è quello legato ad una lotta serrata alla solitudine delle persone che produce paura, intolleranza ed egoismo – ha detto ancora Massa – mettiamo in campo la forza della nostra creatività e la certezza del nostro radicamento territoriale”.

Il percorso del nuovo presidente nazionale dell’Arci, infatti, si è contraddistinto per l’impegno legato al tema dell’inclusione sociale, con particolare attenzione all’immigrazione. Non a caso, con un’esperienza ventennale nel campo dell’immigrazione e dell’asilo, Massa è stato più volte incaricato dalle amministrazioni pubbliche come consulente nella costruzione di un modello nazionale di accoglienza diffusa su tutto il territorio nazionale.

Articolo Precedente

Cambia governo, ma la spesa militare continua a crescere: “800 milioni di euro in più per la Difesa nel 2023, il totale sale a 26,5 miliardi”

next
Articolo Successivo

Conte ironizza sul video social di Meloni: “Dopo l’agenda Draghi, l’agenda di Giorgia”

next