La violenza contro le donne è “una aperta violazione dei diritti umani, purtroppo diffusa senza distinzioni geografiche, generazionali, sociali”. E una “azione efficace per sradicarla” passa per la formazione delle “generazioni più giovani, attraverso l’educazione all’eguaglianza, al rispetto reciproco, al rifiuto di ogni forma di sopraffazione”. A dirlo è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. “Porre fine alla violenza contro le donne – sottolinea il capo dello Stato – riconoscerne la capacità di autodeterminazione sono questioni che interpellano la libertà di tutti“.

Il presidente della Repubblica aggiunge: “La violenza di genere, nelle sue infinite declinazioni, dalla violenza fisica, psicologica, economica, fino alla odierna violenza digitale, mina la dignità, l’integrità mentale e fisica e, troppo spesso, la vita di un numero inestimabile di donne, molte delle quali sovente, non si risolvono a sporgere denuncia. Denunciare una violenza è un atto che richiede coraggio. Abbiamo il dovere di sostenere le donne che hanno la forza di farlo, assicurando le necessarie risposte in tema di sicurezza, protezione e recupero”.

Mattarella ricorda che “negli ultimi decenni sono stati compiuti sforzi significativi per riconoscerla, eliminarla e prevenirla in tutte le sue forme. Tuttavia, per troppe donne, il diritto ad una vita libera dalla violenza non è ancora una realtà. Le cronache quotidiane ne danno triste testimonianza e ci ricordano che ci sono Paesi dove anche chi denuncia è oggetto di gravi ed estese forme di repressione”. Le cronache relative alle violenze contro le donne – dice ancora il capo dello Stato – danno conto di “narrazioni dolorosissime, sino alle aberrazioni in quei territori che vivono situazioni di guerra ove le donne diventano ancora più vulnerabili e sono minacciate da violenze che possono sfociare nella tratta di esseri umani o in altre gravi forme di sfruttamento“.

Anche Giorgia Meloni è intervenuta scrivendo su Twitter che “questo governo è in prima linea per combattere la violenza sulle donne e la terribile piaga del femminicidio. Lo dobbiamo alle tante vittime, spesso senza giustizia, e a chi ancora oggi è costretta a subire questa barbarie. I dati che riguardano le violenze sulle donne continuano a rappresentare un dramma nazionale. Come Governo intendiamo incentrare il nostro impegno su tre pilastri d’azione: prevenzione, protezione e certezza della pena“. “Il codice rosso ha dato ottimi risultati, molte più donne denunciano – hanno dichiarato Giulia Bongiorno, presidente della Commissione Giustizia al Senato, e il vicepremier Matteo Salvini – L’efficacia è messa a repentaglio ogni volta che non viene rispettato il termine di sentire la persona offesa entro tre giorni dalla denuncia. Per tutelarne l’incolumità e evitare che le donne vittime di violenza si sentano abbandonate da chi le deve proteggere, stiamo lavorando all’introduzione di nuove misure che garantiscano piena e immediata applicazione delle disposizioni del codice rosso prevedendo conseguenze processuali in caso di ritardi o omissioni”.

Articolo Precedente

Violenza sessuale, flop della nuova legge del governo Sànchez: pioggia di riduzioni di pena nei tribunali. La ministra dà la colpa ai giudici

next
Articolo Successivo

Suicidio assistito, Marco Cappato in Svizzera per accompagnare un uomo affetto da Parkinsonismo

next