Candeline sul Fulmine. A Rüsselsheim Opel celebra negli stessi giorni sia i 160 anni della fondazione sia i 40 della Corsa (il lancio è avvenuto qualche mese dopo il successo degli Azzurri di Bearzot nel campionato del mondo di calcio contro la Germania, a Madrid), alla quale ha reso omaggio con una serie speciale numerata limitata a 1.982 esemplari. All’Italia ne sono stati destinati circa 200, ordinabili esclusivamente online: il cliente può “solo” scegliere presso quale concessionario ritirare il veicolo perché non è prevista nemmeno la possibilità di arricchirla con eventuali accessori.

La Opel Corsa 40 Anniversary è già completa e nel Belpaese viene offerta con il motore turbo a benzina o con quello elettrico (niente diesel, insomma). Nel primo caso si tratta dell’unità da 1.2 litri da 130 Cv e 230 Nm di coppia con trasmissione automatica a 8 marce, nel secondo di quella a zero emissioni di 100 kW (136 Cv) e 260 Nm che con la batteria da 50 kWh è accreditata di una percorrenza che supera di poco i 350 chilometri.

Commercializzata finora in 14 milioni di esemplari, circa due dei quali in Italia, la Corsa è uno dei modelli simbolo della casa tedesca confluita nel gruppo Stellantis dopo l’acquisizione da parte dei francesi di PSA (che l’avevano rilevata da General Motors) che hanno poi dato vita alla “fusione” con FCA. A anni di distanza (era il 2009) dal “gran rifiuto” della Germania all’offerta di Sergio Marchionne, Opel è oggi “imparentata” con il gruppo Fiat.

Prodotta in Spagna, a Saragozza, è praticamente già pronta per la consegna: la filiale italiana la promette per fine del mese, in ogni caso in autunno. Il modello dei 40 anni nasce sulla base della già ben equipaggiata GS Line e, a seconda della motorizzazione, costa 26.200 o 39.000 euro. Le differenze tra la serie limitata e gli altri allestimenti riguardano solo dettagli estetici e dotazioni: al volante il feeling è lo stesso.

La Corsa 40 Anniversary dispone del riconoscimento dei segnali stradali con l’indicazione del limite di velocità in vigore, del rilevatore di stanchezza, dell’allerta incidente con frenata automatica di emergenza, della funzione di rilevamento dei pedoni e del Parking Pack. Monta fari anteriori a Led e fendinebbia, due schermi a colori da 7” (quello per il conducente e quello multimediale tattile compatibile con Apple CarPlay e Android Auto), la porta USB anteriore, il bracciolo centrale anteriore e i vetri oscurati posteriori.

All’esterno l’elemento distintivo della serie speciale è la tinta della carrozzeria, il Rekord Red che riprende quello del primo modello, mentre all’interno è il classico disegno scozzese in Tartan dei sedili, che viene ripreso anche per le esclusive calze, anch’esse a tiratura limitata, offerte ai proprietari sia nella trama originale sia nella interpretazione del Terzo Millennio. La Opel Corsa 40 Anniversary ha anche il tetto nero a contrasto. Sono neri anche per il logo del Fulmine, i profili dei finestrini, l’apertura del portellone e il nome Corsa scritto ben visibile al centro. I cerchi in lega leggera da 17” sono invece in nero lucido con inserti grigio opaco per valorizzare la sportività della vettura (208 km/h per la versione sovralimentata a benzina).

Articolo Precedente

Nissan X-Trail, atto quarto. Arriva l’off-road ibrido con tecnologia e-Power – FOTO

next