L’artiglieria ucraina avrebbe colpito il quartier genarle del gruppo dei mercenari del gruppo Wagner a Popsana, nell’autoproclamata repubblicana di Lugansk nel Donbass controllato dalle forze russe. A renderlo noto sono state delle fonti ufficiali e filorusse citate dalla Bbc che non si pronunciano su possibili vittime coinvolte nell’attacco. Secondo il quotidiano ucraino Ukrainska Pravda, un giornalista russo vicino al Cremlino, Sergei Sreda, avrebbe rivelato il quartier generale della Wagner diffondendo lo scorso 8 agosto alcune foto della struttura su Telegram che aveva scattato durante la sua visita alla base della compagnia privata di sicurezza. In una di essa si poteva leggere in maniera chiara l’indirizzo della base scritto su un cartello: Mironovskaya 12, a Popasna. Il post in cui il giornalista ha condiviso le immagini è stato rimosso subito dopo, ma ormai le foto avevano fatto il giro del web.

Nonostante il presidente russo Vladimir Putin abbia più volte negato qualsiasi legame con i mercenari della Wagner, il gruppo – guidato dall’ex militare russo e amico personale di Putin, Dmitry Utkin, e finanziato dallo “chef di Putin”, l’uomo d’affari Evgenij Prigožin – è considerato il vero braccio armato del Cremlino in moti teatri di guerra, dalla Siria alla Libia, al Mali. Il gruppo. dispiegato in Crimea e nella regione del Donbass nel 2014 quando le forze sostenute dal Cremlino hanno estromesso le truppe ucraine da aree che poi hanno dichiarato essere parte della Russia, è accusato di crimini di guerra e di gravi violazioni dei diritti umani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli Stati Uniti ‘bocciano’ il sistema Ucraina: “Uccisioni illegali, corruzione, torture in carcere e mancata indipendenza dei giudici”

next
Articolo Successivo

Putin torna a mostrare i muscoli: “Pronti a dare armi ai nostri alleati. Paesi amici mostrano virilità e non si piegano all’egemone”

next