La storia di Alizé Piana dimostra che nello sport nulla è impossibile. La 19enne lecchese si è laureata campionessa mondiale nel wakeboard dopo che solo l’anno scorso a seguito di un grave incidente aveva riportato ustioni di terzo grado su arti e volto, che l’avevano costretta a passare due mesi in un letto d’ospedale. L’azzurra si è imposta nella rassegna iridata di Lago del Salto, bacino artificiale in provincia di Rieti. Alizé Piana ha primeggiato nella categoria junior women precedendo le favorite della vigilia: la statunitense Kira Lewis e l’australiana Mackenzie Mccarthy.

Non ci sono parole per descrivere cosa sto provando”, ha scritto l’atleta italiana sul proprio profilo Instagram. “Gli ultimi due anni sono stati delle vere montagne russe – si legge nel post – ero arrivata al punto di voler lasciare il wakeboard, ma ho tenuto duro. Questa vittoria mi ripaga di tutti gli sforzi, le lacrime e la passione che ho messo in questo sport. Non ce l’avrei mai fatta senza il supporto del mio team che ha dato ancora una volta prova di essere il migliore nel saper portare a casa una medaglia d’oro come squadra”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Alizé Piana (@alizewake)

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, gaffe della Gazzetta su Hannah Schmitz: una donna capace è sempre femmina

next
Articolo Successivo

Morto Leandro Lo: il campione di jiu jitsu brasiliano ucciso da un agente fuori servizio dopo una lite in discoteca

next