Uno dei miraggi dorati degli Emirati Arabi Uniti, tra dune di sabbia e mare cristallino. Abu Dhabi è il centro amministrativo, finanziario e religioso del paese, nonché la città più ricca di storia dell’EAU dove si trova la Gran Moschea dello Sceicco Zayed, incantevole luogo di culto, tra i più importanti di tutto il mondo arabo. Una città memore di un recente passato arcaico, che da piccolo villaggio di pescatori si è trasformato in uno dei centri culturali più importanti del mondo, disegnato da archistar e arredato dai guru della moda che hanno dato vita ad una realtà eccentrica ma mai sopra le righe, come l’isola di Saadiyat, il quartiere considerato il nuovo atollo dell’arte contemporanea a livello planetario. Qui svettano architetture avveniristiche custodi di tesori inestimabili, “l’arte per l’arte” si potrebbe dire, a conferma dei social che traboccano di selfie scattati nella scenografica struttura del museo del Louvre, la spin off mediorientale della Mecca d’arte europea, location d’eccezione complici gli straordinari giochi di luci ed ombre progettati a tavolino dall’architetto francese Jean Nouvel.

Abu Dhabi corre veloce nell’arte e nella cultura, come nel mondo dei motori. Adrenalina da asfalto sugli spalti della sua famosa pista da Formula 1, oppure al Ferrari World, un parco a tema dedicato al cavallino rampante che vanta le montagne russe più veloci del mondo. La rapidità come comune denominatore del divertimento, da unire alla magia del Warner Bros World™ , un enorme parco divertimenti in cui tutti tornano un po’ bambini con i supereroi che abbiamo sempre amato. Una vacanza ad Abu Dhabi unisce il fascino della ricercatezza alla leggerezza di esperienze entusiasmanti, unite ad uno splendido soggiorno fronte mare con atmosfere da mille e una notte nelle strutture Turisanda, dove troverai tutto ciò che desideri. Un esempio? Il Saadiyat Rotana Resort & Villas direttamente sulla spiaggia di Saadiyat Island, collegata alla terraferma tramite un ponte che consente di arrivare al centro di Abu Dhabi in 20 minuti. Un hotel di lusso, incastonato tra palme rigogliose e rilassanti giochi d’acqua, caratterizzato da una architettura araba moderna e la vista ininterrotta sul Golfo Arabico.

Abu Dhabi, la capitale dell’arte in divenire

Dopo anni all’ombra di Dubai, Abu Dhabi guadagna il suo spazio. Due sorelle simili che si specchiano sullo stesso mare e rivelano diverse personalità: rispetto alla fantascientifica Dubai, fatta di grattacieli vertiginosi, isole artificiali a forma di palma, immensi centri commerciali e piste da sci, qualora alle dune del deserto si voglia alternare una discesa sulla neve, Abu Dhabi incanta con tutt’altra attitude e una proposta culturale davvero unica. Nell’isola di Saadiyat, appena più al largo dalla costa urbana, si sta sviluppando un vero e proprio cultural district. Proprio qui si trova il Louvre di Abu Dhabi, il più grande museo di arte e civiltà della penisola araba il cui nome rimanda al legame con la Francia, un paese con cui la città di Abu Dhabi ha un accordo trentennale. Un polo di 24 mila metri quadrati che ospita oltre 35 mila opere di tutte le epoche e di ogni parte del mondo, un filo conduttore tra culture e civiltà, tra passato, presente e futuro, attraverso il quale Oriente ed Occidente dialogano e si confrontano nella bellezza dell’arte e delle idee creative. Ma la città sogna in grande e continua a stupire con quella che gli esperti definiscono una vera e propria “rivoluzione culturale” ancora in atto che culminerà nel 2025 quando sarà aperto il Guggenheim di Abu Dhabi, il polo che conquisterà il record di museo più grande del mondo, punto d’incontro tra la tradizione araba e le altre culture. In evoluzione anche il Zayed National Museum di Foster + Partners, dedicato alla vita dello sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan e alla storia dell’unificazione degli Emirati Arabi da lui desiderata, una struttura che appare già ardita nonostante sia ancora in costruzione: linee aggettanti ispirate al volo e alle piume che descrivono una delle pratiche più antiche del paese, la falconeria. Abu Dhabi punta sull’arte per incentivare l’incontro e la condivisione, ma anche per raccontare se stessa, un protagonismo raffinato come la sua identità.

Divertimento da record e immancabili tradizioni

Grandi numeri nel mondo della cultura ma anche nell’intrattenimento. Abu Dhabi è inoltre nota per i parchi tematici di Yas Island, un’isola artificiale situata nei pressi dell’aeroporto, interamente dedicata al divertimento. Qui si trova il Ferrari World, il parco divertimenti coperto più grande del mondo dove gli italiani partecipano con tanto entusiasmo ed un pizzico di orgoglio. Unica eccezione sono le sue montagne russe poste all’esterno, le più veloci del pianeta: preparatevi a sfrecciare da zero a 250 km/h in 4,9 secondi raggiungendo un’altezza di 52 metri. Emozioni forti anche al Clymb™, dove potrete lievitare in una camera di volo per paracadutismo indoor, neanche a dirlo la più grande del mondo, larga 10 metri e alta 25 metri, e scalare la parete di arrampicata indoor più alta del globo, 43 metri di strapiombo con zone aggettanti dove sbizzarrirsi ed aprire nuove vie. Spericolati? Forse, ma sempre in totale sicurezza poiché tutte le attività vengono seguite da professionisti del settore.

Ad Abu Dhabi le avventure si vivono alla grande e in grande, anche quando si tratta di ammirare il mondo marino all’Acquario Nazionale di Al Qana, il più grande del Medio Oriente che racchiude più 46.000 animali di cui 300 specie uniche. Chi non vuole limitare l’adrenalina all’aria e alla roccia, può immergersi durante la visita guidata e nuotare tra razze curiose, squali schivi e una miriade di pesci coloratissimi. Acqua, terra e aria, tutto ad Abu Dhabi sembra possibile, compreso conoscere i supereroi. Al Warner Bros World™ incontrerete Superman, Batman e Wonder Woman, ma anche Bugs Bunny, Scooby-Doo, Fred Flintstone e altri ancora. Un paese dei balocchi per tutta la famiglia in un impressionante parco a tema di 1.65 milioni di metri quadrati che vanta 29 giostre all’avanguardia e tante attrazioni interattive per grandi e piccoli.

Una vacanza ad Abu Dhabi è arte e divertimento che non tralascia le tradizioni antiche e moderne, dalle sabbie del deserto a quelle della spiaggia del vostro resort: impossibile rinunciare al mare, turchese e cristallino, e alla sabbia fine color madreperla. Un soggiorno in città prevede anche piaceri romantici come una passeggiata lungo l’Abu Dhabi Corniche, il lungomare puntellato di caffè con shisha e localini tipici, e piccole avventure urbane al Suq di Al Mina, uno dei pochi luoghi autentici dove contrattare pesce freschissimo, frutta e verdura, tappeti e articoli per la casa. Stessa attrazione per gli usi e costumi, e le leggende del grande Al Gharbia, il deserto dove lo sguardo si perde all’orizzonte. Qui le antiche usanze non vengono abbagliate né dal sole né dall’oro, e resistono nei silenzi del nulla, interrotti solo dai safari in 4×4 che preferiscono il gps alle coordinate scritte nel firmamento. Comunque vogliate vivere questo viaggio, ad Abu Dhabi troverete una realtà magica, a tratti aliena, che sorge in un grande vuoto ricco di significati che merita di essere compreso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, sfumature isolane di una vacanza estiva che funziona per tutti

next
Articolo Successivo

Le città imperiali del Marocco

next