Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nella telefonata con Putin non ha visto “spiragli di pace”. Il motivo, secondo Lucio Caracciolo, direttore di Limes, intervenuto a Otto e mezzo, su La7, è da ritrovare proprio sul campo. “È in corso la battaglia probabilmente decisiva – spiega – I russi hanno cercato di chiudere e pare ci stiano riuscendo, una gran parte delle truppe ucraine nel Donbass in una sacca e aspettano di vedere quali risultati, probabilmente positivi porterà quest’offensiva”. “Se i russi dovessero conquistare una parte sostanziosa del Donbass, potrebbero cominciare a trattare – continua – Quindi penso che bisogna aspettare la telefonata con Zelensky per un quadro completo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lite Delmastro-Fassina su La7. ‘Il pizzaiolo a Montecitorio piange, non trova lavoratori a 1400 euro’. ‘Basta con queste leggende. Glieli porto io’

next
Articolo Successivo

Gratteri smentisce candidatura con Meloni su La7: “Non l’ho incontrata e non vado con nessuno. Io voglio fare solo il magistrato”

next