Quasi 400 lavoratori irregolari negli alberghi della Romagna. L’estate si avvicina e puntuali arrivano anche le proteste degli albergatori. La litania è sempre la stessa: non si trovano stagionali a causa del reddito di cittadinanza. Al primo controllo della Guardia di Finanza si scopre che magari non si trovano lavoratori perché le condizioni offerte sono misere. Se non addirittura illegali.

E’ quello che hanno scoperto le Fiamme gialle e i funzionari dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Rimini. Secondo quanto risulta dalle indagini c’era una vera e propria agenzia per il lavoro abusiva con sede legale a Potenza e sede operativa a Bellaria Igea Marina, nel Riminese. La società inviava lavoratori in sei strutture alberghiere: una di queste era a San Martino di Castrozza mentre quattro a Bellaria Igea Marina nel Riminese e una a San Mauro Pascoli in provincia di Forlì-Cesena.

Le indagini eseguite nel corso dell’operazione – ribattezzata ‘Free Job‘ – hanno fatto emergere, dietro un’apparente regolarità formale, un sistema di distacco di manodopera in violazione delle normative in materia di occupazione e mercato del lavoro che ha coinvolto, dal 2019 al 2021, ben 361 lavoratori.

I Finanzieri e gli Ispettori del Lavoro hanno accertato che la manodopera, sebbene regolarmente assunta dalla società potentina, veniva successivamente inviata ad altre quattro imprese operanti nel settore turistico-alberghiero, senza la stipula di contratti di appalto, svolgendo, di fatto, le attività di una Agenzia per il Lavoro, ma abusivamente. Nel corso della stessa operazione sono emerse ulteriori irregolarità anche nella gestione dei lavoratori, per riposi settimanali non concessi ed ore prestate in più rispetto al contratto di lavoro, nonché per l’impiego di 13 lavoratori completamente “in nero”. Complessivamente sono state comminate sanzioni che possono arrivare ad un massimo di oltre 125 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etna, iniziata una nuova fase eruttiva: si sono aperte delle bocche sul fianco cratere. Le immagini dell’eruzione sono spettacolari (video)

next
Articolo Successivo

Trenord, dodicesimo sciopero in arrivo: colpa di una gestione disastrosa

next