L’Ucraina ha identificato il militare russo che sarebbe l’artefice del massacro di civili a Bucha. Secondo quanto riferisce la procuratrice generale ucraina, Iryna Venediktova, dietro quei corpi massacrati, torturati, giustiziati con le mani legate dietro la schiena si nasconde la regia di Sergey Kolotsey, comandante di un’unità della Guardia nazionale russa. Oltre ad aver comandato la carneficina, una delle più gravi finora registrate nel corso dell’intero conflitto ucraino, Kolotsey, bielorusso di origine, è accusato di avere personalmente ucciso quattro uomini disarmati il 18 marzo e di aver torturato un civile il 29.

Le vittime collegate al militare russo sono state trovate con le mani legate dietro la schiena e un cappuccio in testa, “sul corpo anche dei segni di tortura – ha spiegato la procuratrice – Una delle sue vittime è stata anche costretta a confessare attività sovversive contro i russi dopo essere stata picchiata selvaggiamente con un manico di fucile. Ha poi finto di eseguire un’esecuzione puntandogli l’arma sulla tempia per poi sparare un colpo vicino al suo orecchio”.

L’uomo, inoltre, si è reso protagonista anche delle razzie di prodotti dalle case e dai magazzini cittadini, poi inviati in Russia. Sui social sono circolate le sue foto intento ad accaparrarsi diversi oggetti da uno stabilimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, nel video diffuso da Mosca l’attacco dell’aviazione russa sulle aree fortificate dell’esercito di Kiev

next
Articolo Successivo

Ucraina, rapporto del Bundestag contraddice il governo tedesco: “Addestrare le forze di Kiev in Germania vuol dire entrare in guerra”

next