“Io non so cosa si chiede il Pd, soprattutto se a chiederlo sono i nostalgici di Renzi. Non voglio entrare in queste valutazioni ma invito il Pd a non entrare in valutazioni personali. Ho visto che si vuole speculare e fraintendere le parole che io ho detto. Il M5s è lontano dalla politica di Le Pen, l’ho già detto e lo ripeto. Fraintende solo chi è in malafede. I”. Lo ha detto il leader del M5s Giuseppe Conte, rispondendo alle domande dei cronisti commentando le polemiche nel fronte giallorosso nate dalle sue dichiarazioni sul ballottaggio francese a “Otto e mezzo”. “Io ho detto che i temi che pone Le Pen sono veri, come la perdita del potere di acquisto e quelli riguardo le fasce della popolazione che sono in sofferenza. Le soluzioni non le condivido e assumere atteggiamenti spocchiosi in politica non paga”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Letta: “È ai limiti dell’irresponsabile far entrare Ucraina in Ue nel 2036. Non possiamo permetterci di prenderla in giro in questo modo”

next
Articolo Successivo

Spese militari, giovani Pd lombardi “sconvolti” dall’aumento votato dal partito: “13 miliardi potevano servire per sganciarsi dal gas russo”

next