Mancano una decina di giorni al 1° di maggio, data in cui dovrebbe decadere l’obbligo delle mascherine al chiuso. Per la fondazione Gimbe, nonostante il numero di casi, ricoveri, intensive e decessi “presentino una lieve tendenza alla flessione”, tuttavia “la circolazione del virus è ancora molto elevata“: il numero di positivi, comunica la fondazione, è sottostimato ma si aggira intorno agli 1,2 milioni di persone, con oltre 50mila nuovi casi giornalieri e un tasso di positività dei tamponi che supera il 15%. “Di conseguenza”, ha dichiarato il presidente Gimbe Nino Cartabellotta, abolire l’obbligo di mascherina al chiuso è “una decisione molto avventata“, specificando che l’incidenza del virus supera i 500 casi ogni 100.000 abitanti in 72 province italiane.

Togliere le mascherine nei luoghi chiusi sarebbe una decisione avventata per tre motivi: “Innanzitutto, nei locali affollati e/o scarsamente aerati la probabilità di contagio è molto elevata; in secondo luogo, la vaccinazione offre una protezione parziale dal contagio; infine, ci sono milioni di persone suscettibili, non vaccinate o senza booster. Utile ribadire che la protezione individuale è massimizzata con la mascherina FFP2 e non con quella chirurgica, poco efficace nei confronti di Omicron”.

I nuovi numeri del monitoraggio Gimbe sottolineano infatti che continuano a calare i nuovi vaccinati contro il Covid-19: dal 13 al 19 aprile sono stati 6.092 rispetto agli 8.601 della settimana precedente (-29,2%). Le persone attualmente vaccinabili con la prima dose sono circa 4,2 milioni e 2 milioni sono, invece, quelle che potrebbero ricevere subito la terza dose: in totale, sono 6,89 milioni le persone che non hanno ricevuto nemmeno una dose di vaccino, di cui 2,69 milioni temporaneamente protette in quanto guarite da meno di 180 giorni.

Per Gimbe, i nuovi dati mostrano una “campagna vaccinale al palo”: “Nonostante ci siano 4,2 milioni di persone vaccinabili con prima dose e 2 milioni con dose booster, i tassi di copertura vaccinale nell’ultimo mese hanno registrato aumenti irrisori” ha detto Cartabellotta. “Tra il 20 marzo e il 19 aprile le coperture con almeno una dose sono ferme all’85,6%; quelle con ciclo completo sono cresciute di soli 0,2 punti percentuali rispetto alla settimana precedente. Anche le coperture delle terze e quarte dosi procedono molto a rilento, nonostante l’inizio più tardivo e l’estesa platea vaccinabile”.

Le ultime due settimane, rileva il monitoraggio Gimbe, sono state segnate da una lieve riduzione dei contagi, con un netto calo nella settimana 13-19 aprile (-19,5 rispetto alla precedente), ma “questi numeri sono condizionati da una riduzione di oltre il 20% dei tamponi in conseguenza delle festività pasquali“. In particolare, nella settimana appena trascorsa, i nuovi casi sono stati 353.193 rispetto ai 438.751 della precedente, con una media di 50mila contagi al giorno. Sono in calo anche i casi attualmente positivi, passati da 1.228.745 a 1.208.279.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, “riciclaggio di oro su direttive del mandamento mafioso”: 5 arresti. Indagati vari soggetti titolari di “Compro oro”

next
Articolo Successivo

Covid, Sileri: “Nei prossimi anni sarà un’influenza tra le peggiori ma sempre meno grave in termini di decessi. Non dobbiamo esserne ossessionati”

next