Ha fatto “un’analisi errata della minaccia russa in Ucraina” e quindi dei rischi dell’invasione poi attuata da Putin. Con queste accuse in Francia è stato licenziato il direttore dell’intelligence militare Éric Vidaud che era in carica da appena sette mesi. Al generale, scrivono i media francesi, vengono contestate “mancanze” di informazioni sulla possibilità che la Russia attaccasse l’Ucraina. Citando una fonte interna al ministero delle forze armate, la testata francese l’Opinion riporta che Vidaud è stato licenziato a causa di “briefing insufficienti” e una “mancanza di padronanza delle materie”.

Il capo di stato maggiore della difesa francese, Thierry Burkhard, ha riconosciuto in un’intervista a Le Monde che il licenziamento è avvenuto quando i servizi segreti francesi – compreso Vidaud – si sono resi conto di aver fatto, nei mesi scorsi, un’analisi scorretta e che andava contro la valutazione degli Stati Uniti. A Vidaud sarebbe stato detto che avrebbe dovuto lasciare il suo incarico la prossima estate, ma il generale ha preferito anticipare lasciando immediatamente l’istituzione militare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, “soldati russi con sindrome da radiazioni trasportati dalla zona della centrale di Chernobyl in Bielorussia”

next
Articolo Successivo

Ucraina, si auspica uno spiraglio di pace. Ma l’Europa rischia di pagare il prezzo più alto

next