“La fascia di età 20-29 anni segnala il maggior numero di casi in aumento seguita dalle fasce 10-19 e 30-39”. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, analizzando i dati settimanali del monitoraggio regionale Covid. La curva, specifica “è in crescita anche per le fasce di età ancora più giovani”. Guardando alle ospedalizzazioni nei più giovani, prosegue Brusaferro: “Sono limitate ma sono in crescita, anche se nell’ultima settimana sembrano in qualche modo contrarsi. Ma va ricordato che i numeri sono fortunatamente limitati”.

Parlando in generale, invece, sottolinea Brusaferro, l’età mediana di chi contrae l’infezione “è di 37 anni”, mentre chi viene ricoverato “ha un’età mediana di 67 anni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centro nazionale sangue: “Carenze in diverse regioni con ondata Omicron. Rischio di rinvio per gli interventi di chirurgia elettiva”

next
Articolo Successivo

Covid, Brusaferro: “Situazione epidemica acuta. Importante invertire la tendenza di crescita dei ricoveri per evitare sovraccarichi dei servizi”

next