Al CES di Las Vegas Intel ha svelato la sua nuova line-up di CPU core di dodicesima generazione per notebook, realizzate mediante il processo produttivo “Intel 7”, che utilizzano la nuova architettura presentata poco più di un mese con i processori per desktop ad alte prestazioni, con l’obiettivo di riconfermare la sua posizione di leadership nel settore.

La nuova generazione di processori mobile di Intel sarà suddivisi in 3 famiglie: la H-Series raggrupperà le CPU ad alte prestazioni pensate per dare il massimo nei notebook destinati ai gamer e per i creativi, offrendo al top dell’offerta con l’i9-12900HK frequenze fino a 5GHz, 14 core (6 performance e 8 efficient) per un totale di 20 thread, il supporto ai più recenti moduli RAM DDR5 ed LPDDR5 ( ed offrendo compatibilità con DDR4 ed LPDDR4), mentre sul versante della connettività saranno integrati il supporto a Thunderbolt4, il nuovo standard di Intel che permette trasferimenti dati fino a 40Gbps (utilizzabile ad esempio per supportare multipli monitor 4K ed accessori in contemporanea), oltre al più recente WiFi 6E.

Pensata invece per i notebook thin-and-light (gli ultrasottili) ad alte prestazioni è la nuova P-Series, che includerà CPU con un massimo di 14Core e 20 Thread, con grafica integrata Intel Iris Xe, operando con una potenza base di 28W. Per gli ultrabook più leggeri, i nuovi dispositivi come i foldable ed i 2-in-1 ed i Chromebook invece, la U-Series presenterà delle CPU che funzioneranno a 9 e 15W, offrendo prestazioni d’alto livello riducendo però al contempo i consumi.

Insieme alla nuova generazione di processori mobile, Intel ha tolto i veli dalla restante gamma di processori Core di 12a generazione per desktop, affiancando alle varianti K presentate a novembre 22 nuovi processori, partendo dall’i9-12900 (16 core/24thread), per arrivare ai Pentium e Celeron (a 2 core) destinati alle fasce entry level del mercato. Se per Core i9 ed i7 la configurazione core/thread è praticamente invariata rispetto alle equivalenti varianti “K”, vedendo integrati core Performance e core Efficient, dall’i5 12600 in giù sono presenti solo configurazioni con core di tipo “P” (6 sugli i5, 4 per gli i3), non utilizzando dunque l’architettura “ibrida”.

A fianco dei nuovi processori per desktop sono stati presentati inoltre una nuova gamma di dissipatori stock ed i nuovi chipset Intel H670, H610 e B660 che andranno ad equipaggiare le schede madri per i PC del segmento consumer, offrendo il supporto a PCIe 4.0 e WiFi 6E.

I nuovi processori di Intel saranno disponibili nel corso dei prossimi mesi, arrivando sul mercato anche a bordo dei sistemi sviluppati dai principali produttori mondiali e che saranno presentati nel corso dei prossimi giorni a Las Vegas.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

CES 2022: HP presenta la sua nuova linea di PC e Monitor per lo smartworking e l’ufficio

next