“La condivisione è la condizione imprescindibile per una mobilità non solo più sostenibile ma anche più integrata”. Gabriele Grea è un’economista del centro di ricerca “Green” dell’Università Bocconi di Milano. Da anni lavora sul tema della mobilità urbana sostenibile. “Per raggiungere quell’obiettivo servono due pilastri: la multimodalità e la condivisione”. A seconda dei modelli di stima, un auto in sharing può arrivare a sostituire “da sei a trenta automobili private” spiega Grea, precisando che il raggio d’azione delle politiche deve essere quello metropolitano. “Milano è una realtà in grande crescita dove le zone periferiche diventano sempre più popolate e attrattive”. La mobilità tra il centro e i comuni di prima e seconda fascia è destinata a crescere e “i policy maker sembrano averlo capito dato che uno degli obiettivi che si è posta la nuova giunta è proprio la connessione tra le varie zone in un’ottica di area metropolitana”

L’auto e la mobilità sostenibile, rivedi lo speciale del fattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flixbus ha comprato un pezzo di storia americana. Come se Tesla comprasse Renault

next
Articolo Successivo

Volkswagen, il ceo salva la poltrona. Ma è chiaro che a Wolfsburg sono in corso giochi pericolosi

next