Cambiano le esigenze abitative – questa pandemia lo ha insegnato meglio di studi e ricerche – e la casa in cui si vive può diventare troppo stretta. O magari troppo lontana dai propri bisogni. Ecco quindi che la necessità di traslocare in una nuova abitazione si fa più pungente. Vendere, quindi, è una delle possibili soluzioni, ma che cosa fare se il mutuo acceso è ancora attivo? La domanda è più che lecita e sulle possibili soluzioni al riguardo il Magazine ufficiale di Immobiliare.it ha dedicato un interessante approfondimento.

Cambiare casa con un mutuo attivo: le possibili alternative

Una delle strade che si possono percorrere è l’estinzione anticipata del mutuo: soluzione molto gettonata anche in virtù del fatto per i mutui “prima casa” stipulati dopo il 2007 grazie agli effetti del cosiddetto Decreto Bersani dovrebbe essere a costo zero, senza cioè pagare ulteriori penali o interessi. Inoltre, non è necessario avere subito a disposizione tutta la somma che serve per l’estinzione: se si è già trovato un compratore interessato alla casa, è possibile accordarsi con la banca e il notaio affinché il mutuo venga estinto con il ricavato della cessione.

Una seconda possibilità è quella dell’accollo del mutuo esistente sull’immobile da parte del nuovo acquirente: in parole ancora più semplici, il compratore potrebbe accettare di acquistare la casa e farsi carico del mutuo residuo. In questo caso, però, oltre al consenso del futuro proprietario, è comunque necessario ottenere un via libera anche dalla banca che ha erogato il mutuo, in quanto vorrà svolgere una perizia sull’affidabilità creditizia del nuovo mutuatario, che potrebbe non essere ritenuta valida o abbastanza solida.

Infine, resta una terza opzione, probabilmente quella meno praticata: la “sostituzione di garanzia”. In questo caso la banca con cui si ha in corso il mutuo acconsente a spostare l’ipoteca dalla vecchia alla nuova casa, in modo che lo stesso finanziamento serva a pagare la nuova abitazione e il cliente continui a versare le rate del finanziamento in corso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pubblico e privato per un’edilizia più sostenibile, nasce CEEB Europe

next
Articolo Successivo

I borghi più belli e più cari in cui comprare casa in Italia

next