Nuove colate laviche, provocate dall’eruzione del vulcano a La Palma, hanno raggiunto un polo industriale della città e distrutto un cementificio, sollevando nuovi timori sulla presenza di gas tossici. Intanto le autorità hanno predisposto un piano emergenziale di evacuazione per i residenti della zona, a causa del crollo di una porzione di parete del cratere. Il vulcano La Cumbre Vieja ha iniziato a eruttare il 19 settembre, costringendo circa 6mila persone a lasciare le loro case, mentre la lava si faceva strada attraverso 600 ettari di terreno

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Austria, fermata una sondaggista: è coinvolta nell’inchiesta anti-corruzione che ha portato alle dimissioni di Kurz

next