IONIQ è la fusione dei termini “ion” (ione) e “unique” (unico) e la IONIQ 5 è davvero unica nel suo genere, oltre ad essere la capostipite del nuovo brand di Hyundai dedicato ai veicoli elettrici. Una vera e propria famiglia di veicoli per la mobilità del futuro, che sarà ampliata con l’arrivo della IONIQ 6 e della IONIQ 7. L’obiettivo della Casa coreana è chiaro: diventare i principali fornitori di mobilità a zero emissioni e, proprio per questo, le tappe sono già tracciate. Dal 2035 in Europa saranno con ogni probabilità vendute solo EV e nel 2045 sarà raggiunta la neutralità carbonica per tutta la filiera produttiva. In Italia la quota di mercato a fine settembre della casa coreana è del 2,9%, in crescita dello 0,3% rispetto all’anno scorso e, l’arrivo della IONIQ 5 getta le basi per un ulteriore aumento.

IONIQ 5 è la prima ad essere costruita sulla piattaforma E-Gmp del marchio di Seoul per le auto a zero emissioni, racchiude in sé elementi stilistici che la legano al passato e ricordano la concept “45”, a sua volta omaggio alla primissima concept car Hyundai, la Pony del 1974. Quando la si incontra per strada ci si gira a guardarla perchè è davvero originale, con proporzioni uniche e un look sofisticato. Le linee sono semplici e pulite, le maniglie sono a scomparsa, ma quello che colpisce è il frontale con il cofano a conchiglia (che nasconde un vano con capacità fino a 57 litri) e le luci parametriche a effetto pixel, sia all’anteriore che al posteriore. Lunga 4,68 m, larga 1,89 m e alta 1,6 è un crossover di medie dimensioni che ha un passo di 3 m e questo garantisce la spaziosità di un’auto di segmento D. Il bagagliaio ha una capacità di 527 litri che aumenta fino a 1.587, se si abbattono i sedili posteriori.

Quando si entra in auto, la vita di bordo assume una dimensione completamente diversa, a partire dalla qualità dei materiali, molti dei quali sono eco-compatibili. E’ il caso, ad esempio, dei tappetini, realizzati in ECONYL®, un filato in nylon rigenerato ottenuto da reti da pesca riciclate e altri rifiuti recuperati in mare.

Il pavimento piatto e la console centrale mobile chiamata “Universal Island”, che può scorrere avanti e indietro di 14 cm, cambiano immediatamente la percezione dello spazio e sembra di trovarsi in un’estensione della propria casa. I sedili possono reclinarsi completamente per rilassarsi, magari quando la vettura è ferma per ricaricare le batterie. La plancia accoglie due display che catturano l’attenzione. Entrambi da 12,3”, uno è touchscreen per il sistema di infotainment che integra il nuovo tema grafico “Jong-e Graphic User Interface” e l’altro è digitale per il quadro di bordo con tutte le informazioni relative alla guida e alla ricarica. Alla sua sinistra un inserto metallico sul quale si potranno mettere post-it, foto o calamite, proprio come sul frigorifero di casa.

Le modalità di guida sono gestibili dal cursore che si trova sulla parte sinistra del volante e sono tre: Eco, Normal e Sport. Per partire basta mettere la leva in “D” che si trova a destra del volante e dai paddle si può selezionare l’intensità della frenata rigenerativa, che può arrivare fino all’i-Pedal, utilissima in città poiché si può guidare con un pedale solo.

Disponibile in tre allestimenti, Progress, Innovation ed Evolution, con una potenza che va da 170 a 305 Cv e due tipi di batterie, da 58 kWh o da 72,6 kWh, quest’ultima anche con trazione integrale. Ci siamo messi al volante della IONIQ 5 Innovation da 217 Cv e 350 Nm di coppia, con batteria da 72,6 kWh e trazione posteriore, che garantisce un’autonomia dichiarata di 481 km nel ciclo WLTP. Piacevole da guidare, sterzo preciso e sospensioni che assorbono bene le asperità del terreno, l’insonorizzazione è massima e i fruscii percepiti minimi. Se poi si vuole aggiungere un po’ di pepe, basta inserire la modalità sport. I sistemi di assistenza sono di ultima generazione e permettono anche la guida autonoma di livello 2. La versione Evolution ha di serie l’head up display a realtà aumentata e anche la funzione V2L, che permette di ricaricare qualsiasi dispositivo elettrico, come biciclette, monopattini o attrezzature da campeggio, usando la batteria della macchina.

IONIQ 5 offre di serie una capacità di ricarica a 800V, e consente anche la ricarica a 400V senza la necessità di componenti o adattatori aggiuntivi. Utilizzando un caricatore da 350 kW, si ottiene una ricarica dal 10% all’80% in appena 18 minuti, che si traduce in un tempo di cinque minuti per ottenere autonomia di 100 km. L’auto, infine, è già ordinabile e disponibile nei concessionari, ha un prezzo di partenza di 44.750 euro (incentivi esclusi).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lexus NX, la prova de Il Fatto.it – La bella ibrida che balla – FOTO

next