“Sembra strano, ma lui mi chiamava ‘il geometra’, ma non per dileggio, ma come riconoscimento di essere uno che fa le cose. Gino mi ha insegnato a metterci l’anima negli ospedali, che sono luoghi di eccellenza medica, ma anche umana”. Così l’architetto e senatore a vita, Renzo Piano, che per Emergency ha progettato l’ospedale in Entebbe, in Uganda, subito dopo aver visitato a Milano, la camera ardente del fondatore dell’organizzazione umanitaria, Gino Strada. Con lui c’era anche il sindaco di Milano, Beppe Sala, che ha sottolineato la bellezza nel vedere così tante persone unite nel ricordare il fondatore di Emergency. “Casa Emergency” in via Santa Croce in zona Ticinese, infatti, ha attratto un lungo serpentone di visitatori. “Lui era pacifista in senso attivo e non tutti son capaci di farlo“, ha proseguito Piano. Parlando dell’ospedale in Uganda, Piano ha svelato: “Un giorno mi disse: voglio un ospedale scandalosamente bello. In quell’avverbio e in quell’aggettivo c’è tutto: lo scandalo dei benpensanti che pensano che un ospedale per il terzo mondo non possa avere un’eccellenza medica assoluta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yemen, la modella rapita dagli huthi rischia una lunga condanna

next
Articolo Successivo

Ikram Nazih, è libera la 23enne condannata per blasfemia in Marocco. Il sottosegretario Enzo Amendola a Ilfatto.it: “Lavoro di squadra”

next