“Da una parte sono felice, dall’altra sono triste perché Zahra è una sola e, così come lei, ci sono 16 milioni di donne. Se poi aggiungiamo anche i bambini, il numero raddoppia e se aggiungiamo gli uomini ci saranno altri numeri. C’è una totale disperazione“. così Ahmed, il fratello dell’attivista afghana Zahra Ahmadi all’aeroporto di Fiumicino in attesa della sorella, arrivata in Italia grazie a un ponte aereo della Difesa. “Sono felice di quello che ha fatto il governo italiano per me – ha aggiunto – e ringrazio tutto il team italiano qui e a Kabul”, sottolineando che c’è il dovere di aiutare gli altri. “Cosa sta dicendo la stampa? Voglio dire che non sono colpevoli solo gli Stati Uniti, tutti lo sono. Ma il popolo del mondo vuole darci una mano“, ha continuato, sottolineando il gran numero di telefonate ricevute negli ultimi giorni da parte di persone che vogliono aiutare, ospitando cittadini afghani. “Ma non c’è un coordinamento – ha concluso – spero che questo coordinamento parta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, gli appelli degli ori olimpici Gianmarco Tamberi, Ruggero Tita e Caterina Banti: “Vaccinatevi, mi raccomando” – Video

next
Articolo Successivo

Covid, bozza report Iss: “Rt in calo da 1,27 a 1,1. Nessuna Regione supera la soglia critica delle intensive”. E anche la Sicilia resta bianca

next