Si sono impegnati a rispettare i diritti delle donne ma solo “all’interno della Sharia”. Cioè la legge islamica che nelle sue applicazioni più estreme le relega ai margini della società. La Sharia è la legge sacra dell’islamismo, basata principalmente sul Corano, il libro che contiene le rivelazioni di Allah a Maometto, e sulla consuetudine (la sunna) che raccoglie norme di diverso tipo.

Sharìa in arabo letteralmente vuol dire “strada battuta“, anche se il senso comune è “legge” ed i suoi principi sono “la principale fonte della legislazione” dei Paesi islamici: come nel caso dell’Egitto che, pur moderato e con una rispettata minoranza cristiana, ha scolpito questo concetto nell’articolo 2 della propria Costituzione, quella che sta consentendo progressi nei diritti delle donne.

Ci sono però interpretazioni estreme della Sharia come quelle invocate dai terroristi islamici per giustificare i loro attentati e sgozzamenti, o da Stati come Nigeria, Arabia Saudita, Sudan, Emirati Arabi Uniti, Pakistan, Yemen e, appunto, Afghanistan per mantenere addirittura la lapidazione nella propria legislazione, sebbene manchino riferimenti diretti nel Corano a questa barbara punizione.

Ma sono anche la decapitazione, la mutilazione di arti (in teoria il furto viene punito con il taglio della mano destra) e le frustrate a confliggere con i principi del diritto occidentale, che peraltro non riconosce come delitti scelte quali l’adulterio, il consumo di alcol e l’apostasia, ossia il cambio di religione: tutti comportamenti inammissibili per la Sharia.

La legge islamica vede uomini e donne come uguali agli occhi di Dio, ma i diritti e gli obblighi loro conferiti (in particolare quelli economici) non sono identici, con gigantesche discriminazioni del genere femminile in fatto ad esempio di eredità e libertà personali, limitate dal tutore maschile quando si tratta ad esempio di viaggiare all’estero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Camorra, arrestato il latitante Giuseppe Savino. Era a cena in un ristorante a Santa Severa con i documenti falsi

next