Tantissimi pendolari che, nonostante pagassero l’abbonamento, non riuscivano a trovare un posto a sedere sul treno. Per questo Trenitalia ha ricevuto una multa da un milione di euro dall’Antitrust: l'”inadeguata gestione” del traffico dei pendolari sulla tratta ad alta velocità Roma-Napoli-Caserta, si legge nella nota dell’Autorità, ha causato numerosi disagi nel periodo gennaio-febbraio 2021.

Secondo l’Antitrust, Trenitalia non ha gestito e programmato “in modo adeguato” i propri servizi in una delle tratte più affollate di pendolari, al rientro al lavoro dopo le vacanze di fine anno. Gli accertamenti ispettivi alla stazione di Roma Termini hanno rivelato come numerosi passeggeri spesso non riuscivano a salire sul treno nonostante i posti non fossero disposti “a scacchiera” per il mantenimento della distanza sociale come norma anti-Covid. A questo si aggiunge il fatto che Trenitalia “non ha fornito altre misure informative o inerenti al sistema di prenotazione dei posti” per limitare i disagi, “nonostante disponesse di tutti i dati” per valutare il bacino di utenza e gli spostamenti di tutta la clientela pendolare.

Quella di cui si è macchiata Trenitalia, sostiene l’Autorità, è una pratica scorretta “che è contraria alla diligenza professionale e che falsa il comportamento economico del consumatore” in violazione dell’articolo 20 del Codice del Consumo, precisando che la sanzione è stata ridotta a causa delle perdite economiche registrate dalla società nel 2020 e che, proprio in relazione a quell’anno, non sono emersi elementi sufficienti a valutare se la pratica commerciale scorretta avvenisse anche durante il periodo a ridosso delle festività natalizie. “Trenitalia prende atto della decisione pubblicata dall’AGCM, confermando comunque di aver adottato tutte le misure necessarie a soddisfare correttamente le esigenze della clientela pendolare, tenuto conto delle restrizioni dovute alla pandemia”, commenta l’azienda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, tutte le bugie di politici e giornali. Lo strumento va migliorato ma funziona contro la povertà, ecco i numeri

next
Articolo Successivo

Le leve emozionali del cliente sono più importanti del prodotto!

next