Sette operatori di una cooperativa sociale per minori con gravi disabilità, a Varese, sono stati sottoposti a misura cautelare con accuse di maltrattamenti aggravati, a seguito di un’indagine dei carabinieri. Secondo gli inquirenti, i giovani venivano sottoposti a continue vessazioni e violenze, lasciati a se stessi senza controlli. Quattro degli operatori sottoposti al divieto di avvicinamento alle parti offese sono anche accusati di abbandono di persone minori o incapaci e lesioni personali colpose. Le indagini dei carabinieri sono partite nel marzo scorso, quando i genitori di uno dei minori ospiti del centro ha sporto denuncia ai militari dopo aver notato un grande cambiamento nel loro figlio disabile. Filmati e intercettazioni sono riusciti a documentare ciò che succedeva all’interno del centro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, green pass per eventi come in Francia? Figliuolo: “Potrebbe essere una soluzione per una spinta” alla campagna vaccinale

next
Articolo Successivo

Calabria, arrestato il sindaco di Trebisacce: “Irregolarità nella raccolta firme della sua lista per le elezioni regionali, truffa e concussione”

next