Una fuga di gas da un pipeline sottomarino ha provocato un incendio nel Golfo del Messico, a largo della penisola dello Yucatan. L’esplosione ha coinvolto il gasdotto dell’azienda petrolifera statale Petroleos Mexicanos, meglio nota come Permex: le immagini dell’incendio mostrano un vero e proprio “occhio di fuoco” in mezzo all’acqua a pochi metri da una delle piattaforme, la Ku-Charly.

La compagnia assicura che non ci sono state né vittime né feriti a bordo della piattaforma. Petroleos Mexicanos è ricorsa all’aiuto di imbarcazioni specializzate per il controllo degli incendi in mare. I soccorsi sono riusciti a domare le fiamme solo dopo cinque ore e mezza. Il capo per l’agenzia messicana per l’ambiente, Angel Carrizales, ha affermato che non sono avvenuti versamenti di petrolio in mare.

Intanto su Twitter le immagini dell’incendio sono diventate virali. Una fonte anonima all’interno di Pemex ha dichiarato ai media che tutto è cominciato con un temporale che ha danneggiato i macchinari della piattaforma. La Petrex è una delle compagnie petrolifere più indebitate del mondo, e nel 2019 il suo ex boss Emilio Lozoya è stato incriminato per corruzione insieme alla moglie, la sorella e la madre, ed estradato dalla Spagna al Messico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo stop alla plastica monouso non cambierà le vostre vite ma stabilisce un principio importante

next
Articolo Successivo

Canada, 719 morti per il caldo: “Cifra tre volte superiore alla media in questo periodo”. Oltre 130 incendi in British Columbia

next