Sulla carta avrebbe dovuto fare il fornaio, in realtà accoglieva i pazienti, li visitava e li curava come se fosse un dentista. È successo a Pace del Mela, un paese nella provincia di Messina, dove un uomo è stato scoperto mentre esercitava abusivamente la professione di dentista in uno studio odontoiatrico. Il 55enne è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica e sanzionato per il mancato rispetto dei protocolli anti-Covid19, mentre lo studio e le attrezzature sono stati sequestrati.

Nella sua carriera professionale, il falso dentista aveva svolto diversi altri lavori, per nulla attinenti con il settore medico: era stato carrozziere, commerciante di sementi, ristoratore e antiquario ed era intestatario di una partita Iva che l’autorizzava a svolgere l’attività di panettiere. A insospettire la Guardia di finanza è stato però l’anomalo viavai di persone che accedevano al suo studio. I militari sono così entrati e l’hanno sorpreso mentre visitava una paziente già seduta sulla sua poltrona medica. Intervenuti su richiesta delle forze dell’ordine, poi, anche i funzionari dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina hanno ispezionato i locali, riscontrando la violazione delle più elementari norme igienico-sanitarie oltre che di quelle anti-Covid.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Variante Delta, Financial Times: “Italia quinta al mondo per incidenza”. La stima è del 26%

next
Articolo Successivo

Variante Delta, 25 casi tra Piacenza e Cremona tra i lavoratori della logistica. L’appello dell’Ausl a chi ha preso gli stessi autobus

next