La dieta mediterranea, che è stata dichiarata patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco nel 2010, compie settant’anni. L’hanno inventata nel 1951 a Napoli, e perfezionata per quarant’anni nel Cilento, il fisiologo americano Ancel Keys e sua moglie, la chimica Margaret Haney, partendo da una constatazione: gli abitanti dell’Italia meridionale avevano rischi d’infarto infinitamente minori rispetto all’americano medio.

La dieta mediterranea è, prima ancora che un regime alimentare, uno stile di vita. Privilegia la convivialità, la condivisione, la vita attiva. Nel cibo, predilige i prodotti locali e stagionali, senza escludere niente. È una dieta “onnivora temperata” che suggerisce “abbondanza frugale” e “sobrietà responsabile”: soprattutto cereali, olio, vino, verdure e frutta, un consumo moderato di pesce e carne.

Roberto Casalini di FQMillennium ne parla con gli antropologi Elisabetta Moro e Marino Niola, autori del libro “I segreti della dieta mediterranea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, perché la politica ce l’ha con i poveri? Segui la diretta con Peter Gomez

next
Articolo Successivo

Morire per pochi euro l’ora, perché nessuno dice niente? Segui la diretta di Peter Gomez

next