Molti hanno alle spalle dieci anni e più di “stagioni” estive da barista, cameriere o animatore. E altrettanti racconti di sfruttamento, con orari ufficiali del tutto fittizi, zero riposi e metà del compenso fuori busta. Così fan tutti e l’hanno sempre fatto, viene da dire leggendo le testimonianze arrivate all’indirizzo mail redazioneweb@ilfattoquotidiano.it dopo gli articoli del Fatto Quotidiano e la videoinchiesta de ilfattoquotidiano.it sulle condizioni e i contratti dei lavoratori stagionali. La paga oraria? Meno di 3 euro, senza eccezioni. Ancora meno per gli animatori: quelli alle prime armi si accontentano addirittura di 1 euro all’ora.

Avvertenza: si guadagna solo se c’è il sole. Perché c’è anche chi racconta che in caso di pioggia lo stipendio era azzerato: “Mi diceva ‘Oggi non guadagno, non ti posso pagare'”. Per questo lettore è stata l’ultima esperienza lavorativa in Italia, quella che l’ha convinto a emigrare. E se capita di farsi male? “In riviera funziona così: l’incidente deve figurare come avvenuto in casa, altrimenti il medico deve segnare giorni di riposo”. Ma non ci sono solo gli stagionali: alla mail del Fatto.it sono arrivate anche molte storie di lavoro sfruttato e non a norma nel settore della ristorazione e nel catering. Straordinari inesistenti a fronte di turni che in alcuni casi superano le 18 ore, niente malattia.

Oltre ai diretti interessati ci hanno scritto anche genitori inorriditi dagli “industriali” secondo i quali i ragazzi preferiscono i sussidi al lavoro. “Sono schifata”, commenta la madre di un ragazzo che lavora 48 ore a settimana come portiere di notte in un hotel e riceve in busta il corrispettivo per 30 ore: “Malgrado la fatica di una vita irregolare, non avrà mai una pensione adeguata al lavoro che ha svolto. I colleghi e le colleghe assunti stabilmente non se la passano diversamente”. Mentre un padre racconta un altro stratagemma che sembra diffuso tra i datori di lavoro con pochi scrupoli: “Ti danno buste da 1500 euro“, in modo da risultare perfettamente in regola, “ma ne devi restituire 6-700“.

Se volete raccontare la vostra esperienza, scrivete all’indirizzo redazioneweb@ilfattoquotidiano.it, indicando “stagionali” nell’oggetto della mail.

***

Ho ormai 8 stagioni estive sul curriculum, tutte svolte in alberghi a Rimini nel ruolo di barista, cameriere e bagnino di salvataggio. La dimensione del problema di evasione fiscale/mancanza di controlli/pessime condizioni di lavoro è strutturale. E’ l’intero sistema economico su cui si fonda l’industria turistica locale che adopera questi meccanismi illegali. Io ho lavorato esclusivamente nel settore alberghiero. Gli hotel di piccole dimensioni, a conduzione familiare o in gestione, sono soliti fare contratti “finti” con ore fittizie e voci della busta paga interamente create ad hoc per farle combaciare allo stipendio concordato privatamente, dando poi una restante parte fuori busta. Ma pure realtà alberghiere di dimensioni più rilevanti, società che gestiscono dai 3 ai 7 hotel, si fanno elaborare le buste paga per fare arrivare alla fine il netto alla cifra “concordata” tra lavoratore e datore di lavoro. In questa realtà sulla carta vengono riportate le classiche 26 giornate di lavoro con retribuzione secondo il grado e la mansione ricoperta (con paga base e contingenza secondo ccnl) ma le voci in busta riportano meno ore (nonostante si lavori 7 giorni su 7 almeno 8-10 ore al giorno), no straordinari (sebbene nel turismo si facciano SEMPRE straordinari), no festivi, il tfr viene compreso nello stesso stipendio (quindi non esiste), no 13/14esima. Nel caso dei portieri notturni le stesse ore di lavoro notturno sono riportate nell’ordine di appena 4 ore per notte, se va bene, anche se l’orario lavorato effettivo è dalle 21 alle 7. Entrando nel merito delle mansioni che ho ricoperto in questi anni posso scrivere che fare il salvataggio in hotel significa far tutto tranne che la mansione contrattuale: penso di avere più esperienza come manutentore, pulizia ai piani e giardiniere che come addetto al salvataggio. Il demansionamento è la norma, i giorni di riposo non esistono, e se bisogna andare fuori città per dare un esame all’università (quando ancora si potevano dare in presenza) vengono detratti i soldi della giornata “persa” dallo stipendio. Inutile dire che pure la malattia non viene contemplata. La scorsa stagione in caso di febbre alta era lo stesso albergatore ad invitare a stare a casa e non farsi fare il tampone perché in caso di esito positivo e conseguente pubblicità dell’evento ne sarebbe nato un danno economico e d’immagine per la singola realtà aziendale ma pure per il sistema turistico locale.

Lettera firmata

***

Sono il papà di un ragazzo che oramai è 7 anni che fa il cameriere stagionale perché nella provincia di Livorno e Grosseto più che lavorare nel settore turistico di più è difficile trovare. Ha fatto l’alberghiero e già sono sorti i primi problemi perché con la legge scuola + stage estivi i ragazzi dovevano fare poche ore escluse le domeniche ma naturalmente i titolari li facevano lavorare anche 10 ore al giorno senza rispettare gli orari e senza retribuzione perché essendo stage non era obbligatoria. Finita la scuola entri nel vero mondo dello sfruttamento.
Orari massacranti specialmente nei fine settimana con assicurazione per 4 ore al giorno e ne lavori 15, magari ti danno buste da 1500 euro ma ne devi restituire 6-700. Non sali mai di categoria, per loro sei sempre aiuto cameriere. Luglio e agosto senza giorni di riposo perché è il periodo che si lavora di più se per caso ti fai male a mezzanotte devi fare in modo che ti sei fatto male nelle ore che sei assicurato o addirittura dichiarare che ti sei fatto male a casa.
Il sindacato è al corrente delle condizioni contrattuali, ma tanti ti rispondono che sei fortunato perché almeno ti pagano. Vertenze nessuno ne fa perché i proprietari dei locali sono sempre i soliti si conoscono tutti e basta un passaparola tra di loro e tu in un attimo sei fuori dal giro.

Lettera firmata

***

Io personalmente lavoro 14 ore al giorno per 50 euro perché ho una famiglia. Il contratto è fatto per 8 ore, le restanti in nero. La verità è che la gente si sta ribellando, i titolari di lungomare o ristoranti al mare incassano una media di 15mila-25mila al giorno e a noi danno i famosi 50 euro. Io sto già meglio, ma ci sono persone accanto a me che fanno 14 ore per 35 euro al giorno con un part time di 4 ore, secondo voi è giusto?

Lettera firmata

***

Ho alle spalle 30 anni di onoratissimo servizio, vari premi e riconoscimenti delle più prestigiose associazioni culinarie. In seguito ad un incendio della cucina mi ritrovo ad avere dopo 30 anni di lavoro 11 punti di invalidità, stress post traumatico in cura con psicofarmaci e la delusione più grande di essere stato trattato da “babbo” dal mio titolare del ristorante (riporta il nome del ristorante, ndr) di Sirolo, località ambitissima dal turismo balneare medio alto nelle Marche.
Il quale, dopo l’incendio ed i 15 giorni trascorsi da me in rianimazione non ha mai avuto la faccia di chiamarmi, facendosi anche negare quando i miei cari chiedevano informazione per capire le dinamiche e per capire come mai nonostante la prognosi riservata lui avesse riaperto dopo 4 giorni dall’incendio, cercando di nascondere e depistare le indagini preliminari della procura. Non vorrei entrare in merito alle paghe e agli orari, perché è ormai chiaro che ci troviamo davanti ad un problema comune per il 100% dei dipendenti del settore, da sempre malato terminale.

Lettera firmata

***

Sono un ragazzo di Salerno che ormai vive all’estero da più di 9 anni. Ultimamente leggo tante notizie sulla carenza di personale, in alberghi ristoranti, stazioni balneari, e le testimonianze dei giovani che non vogliono essere più sfruttati. Vi racconto la mia ultima esperienza lavorativa in Italia che mi ha fatto dire basta, me ne vado. Lavoravo in un lido (indica anche il nome ndr) molto noto in città, lavoravo dalle 7 di mattina alle 7 di sera per 30 euro al giorno con 30 minuti di spacco, il mio ruolo era bagnino ma tutto facevo tranne quello: scaricavo le bibite, portavo lettini… e meno male che mai nessuno ha avuto bisogno del mio aiuto perché stava per affogare. Ma il punto bello di questo lavoro era che se pioveva non mi pagava! Dicendomi “oggi piove, non guadagno, non ti posso pagare”.

Lettera firmata

***

Io è 10 anni che lavoro in un baretto in spiaggia, in Sardegna. Il lavoro va sempre a gonfie vele, il fatturato di aggira attorno ai 350.000 € l’anno (lo so per certo perché una volta il tipo che controlla la cassa me l’ha detto in confidenza), immaginate ciò che non viene fatturato. Part time, senza giorno libero, a giorni alterni faccio 12 ore e 6 ore (media di 9 ore), pagamento fuori busta non rendicontato, per cui non riesci a capire quanto ti sta pagando all’ora. Nell’ufficio il capo ha un trita carte, in modo da eliminare qualsiasi prova in caso di controllo.

Lettera firmata

***

Mio figlio da qualche anno lavora in hôtels con contratti a termine. Hôtel turistici e non. Paga base 30 ore settimanali, il resto si chiamano RIMBORSI. Lui fa il portiere di notte, 8 ore a notte per 6 giorni, il che significa 48 ore. La paga mensile dipende da questi fattori. Malgrado la fatica di una vita irregolare, non avrà mai una pensione adeguata al lavoro che ha svolto. I colleghi e le colleghe assunti stabilmente non se la passano diversamente. Meglio i sussidi che il lavoro, esclamano inorriditi gli industriali?!?!?! Sono schifata. La mia generazione ha combattuto per la parità dei diritti che ai nostri figli sono negati. Certo, abbiamo combattuto contro i padroni. E adesso i padroni si sono ripresi tutti gli spazi e pure ci fanno la morale!

Lettera firmata

***

Sono una donna di 46 anni, ho sempre lavorato con dei part time che mi permettevano di mantenere un equilibrio tra famiglia, (ho un figlio disabile) e tempo libero.
Con un contratto in scadenza a maggio 2019 in una clinica privata, mi son trovata “appiedata” nuovamente e, rimboccandomi le maniche velocemente, sono riuscita a trovare lavoro presso una struttura alberghiera della mia zona, in riviera romagnola. (…) Era un hotel a conduzione familiare (3 persone) di cui uno alla reception, uno al servizio tavoli per colazione e uno in cucina per la preparazione delle colazioni. In pratica era un hotel ma con servizio B&B dal momento che non c’era servizio pranzo e cena. Serviva giusto una cameriera ai piani, ovvero colei che si occupa delle pulizie delle stanze, rispondere alle richieste degli ospiti e tutto ciò che serve al fine di dare un ottimo servizio al cliente. C’erano 30 camere su 3 piani.
La titolare, a colloquio mi disse che non c’era possibilità di giorno libero, che sarei dovuta andare anche stando poco bene perché non avrebbero potuto prendere nessuno per la mia copertura, che mi avrebbe segnato regolari 4 ore di lavoro, ma sarebbero state molte di più, ovvero dalle 7 del mattino fino al termine delle pulizie e di tutti i servizi. Calcolando la pulizia della hall, le 30 camere, le scale, ecc ecc.. il termine del servizio poteva arrivare oltre le 10 ore (senza imprevisti). Il tutto per la cifra di 1200 €, a detta della titolare. Se la stagione si fosse svolta con buoni guadagni, sicuramente mi avrebbe dato qualcosina fuori busta. Presa dal bisogno di lavorare accettai, lavorai a testa china e con grandissima fatica tutta la stagione, una stagione bella rigogliosa ma io alla fine non vidi un euro in più. Mi sono detta “mai più nella vita”.
Lettera firmata
***

Ho rinunciato a lavorare in questo settore circa 3 anni fa, dopo circa 10 anni di stagioni, quando devastato dal burnout e dallo stress accumulato sono caduto in depressione e ho cominciato ad avere attacchi di panico. Purtroppo confermo tutto quello che viene detto nelle vostre testimonianze e vi dico che avete scoperto forse un 10% di tutto il MARCIO che c’è in questo settore. Controlli dell’ispettorato del lavoro “organizzati”; quando offrono vitto e alloggio inclusi spesso si tratta di pasti insufficienti e alloggi fatiscenti (a dir poco) condivisi con 3-4 persone; impiego di lavoratori prevalentemente rumeni che con uno stipendio di 1200€/mese riescono a comprarsi case e aziende in Romania (usufruendo poi di tutti gli ammortizzatori sociali italiani quando le stagioni sono ferme); sale ricevimenti che lavorano con il 90% del personale in nero e pagamento della giornata in contanti a fine giornata lavorativa di almeno 12 ore continuative senza pausa, e potrei continuare qui per ore…
Quando ho cominciato a chiedere di avere quello che mi spetta per legge, giorno libero-ferie-permessi…ho avuto porte in faccia da chiunque e per questo sono disoccupato da 3 anni. Ora ho 34 anni, nonostante abbia ricoperto ruoli di responsabile di sala, barman, sommelier. Sono stato sempre sfruttato e non ce l’ho fatta più. E’ davvero assurdo che in questo settore non ci sia alcun rispetto dei contratti di categoria, mentre in altri sia l’esatto opposto.

Lettera firmata

***

Per 11 anni ho lavorato nel settore del turismo come stagionale, inizialmente come animatore per poi passare a responsabile tecnico e ultimamente lavoravo anche nella manutenzione delle strutture in cui mi trovavo. (…)
Vi illustro brevemente la vita da animatore:
– sveglia tutte le mattine non dopo le 8.00
– Per le 8.30 bisogna essere vestiti (divisa in ordine) e con colazione fatta altrimenti sono affari tuoi.
– Per le 9.00 inizio delle varie attività (sport, fitness, contatto, corsi…)
– Alle 12.00 interruzione attività per fare il gioco aperitivo e subito dopo farsi trovare all’entrata ristorante a dare il buon pranzo a tutti gli ospiti della struttura
– Per le 12.30 si va a mangiare, se sei fortunato mangi in un tavolo all’interno del ristorante altrimenti segregati in qualche punto sperduto della struttura
– Finito il pranzo, quindi ore 13.15 \14.00 gioco caffè e finito questo altro momento di gioco bisogna ritrovarsi per fare le prove degli spettacoli ( anche a 40°) per circa un ora.
– Finite le prove se ti va bene hai mezzora per fare un attimo di relax (ma ciò non avviene mai se non in stagione inoltrata)
– Dalle 15,30 riprendono le attività fino alle 18.00
– Doccia veloce e prepararsi per la lunga serata che in sequenza prevede: gioco aperitivo, entrata ristorante, cena veloce, baby dance, spettacolo di 1 ora e seconda serata che poteva essere balli di gruppo, Pianobar, discoteca…
– Finita la seconda serata verso l’1,00 ritrovo nel teatro per un incontro tra animatori per eventuali problemi da discutere e poi si cominciavano le prove degli altri spettacoli e se ti andava bene per le 3.00 si finiva.
Non esiste un sindacato che tutela questo settore, se ti fai male ti mandano a casa e tanti saluti, se ti ammali è facile che dopo un paio di giorni ti “obbligano “ a tornare al lavoro, il giorno libero tante volte viene suddiviso in due mezze giornate per loro convenienza. Tutte le sere hai spettacolo o attività quindi non hai mai una serata per te. Le stanze adibite agli animatori non sono mai dignitose. Non hai i tuoi spazi. Ma un altro aspetto sconcertante è la retribuzione da fame: stipendi base da 400 a 900 euro. Se facciamo due conti: 30 giorni tolti 4 giorni liberi se ti va bene sono 26 giorni lavorativi al mese, 26 giorni lavorativi per una media di 18 ore al giorno si parla di circa 450 ore in un mese. Con uno stipendio di 450 euro vuol dire che un animatore di contatto alle prime armi prende 1 euro all’ora. Ma non è finita qui, se per disgrazia vai a fare un controllo delle buste paga qui vengono i veri problemi, agenzie prive di coscienza che si permettono di non pagare i contributi e tante altre irregolarità che come è successo a me, ora mi trovo a debito dello stato per un valore che si aggira intorno ai 2500 euro, tutto perché non siamo tutelati.

Lettera firmata

***

Vi scrivo da piccolo imprenditore schifato dal comportamento dei colleghi stagionali della zona di Lignano Sabbiadoro. Ho in mano copie di contratto con 40 ore di lavoro settimanali pagate con retribuzione base lorda 1.440 euro. Il problema è che i titolari chiedono 10 ore al giorno da lunedì a venerdì e 12 sabato e domenica. Totale 74 ore settimanali. La paga totale sale a euro 1.600 al mese totali. Chiaramente la differenza rigorosamente in nero. Credo, da esperienza di diversi anni che almeno il 50% operi in questo modo. Come mai non c’è alcun controllo da parte delle autorità.
Lettera firmata

***

Ecco la mia storia: laureato in Statistica ed Economia, durante l’università fin dal primo anno facevo il cuoco in una grossa azienda di catering di Reggio Emilia. non avendo esperienza di cucina, ma molta passione ho accettato contratto a chiamata da 7,26 € all’ora, orario di lavoro mai definito con chiarezza, media di 12 ore, spesso 18, è capitato più volte di lavorare 25/27 ore di fila (non scherzo), ovviamente straordinari inesistenti essendo contratto a chiamata. Ho lavorato per alcuni altri ristoranti e catering successivamente, tutto con il metodo della busta paga leggera e poi il resto “te lo do in contanti”. Ora lavoro in un ristorante, contratto a chiamata, non mi posso lamentare, ma non c’è modo di crescere in quel posto: mi ha detto espressamente che non esisteranno mai contratti indeterminati lì dentro. A settembre me ne vado nella speranza di utilizzare la mia laurea.

Lettera firmata

***

Durante il periodo di studi, dai 18 ai 26 anni ho lavorato presso diverse strutture, campeggi, ristoranti, pizzerie, con mansione di barista/cameriere per poter permettermi gli studi. E’ stato un susseguirsi di contratti o a chiamata o come dipendente per 3 mesi. La paga chiaramente metà nero, metà in busta paga.
Permessi, zero. Giorni di riposo, zero. Sono comunque sempre riuscito a trovare lavori ben retribuiti, dall’ultimo in un ristorante che pagava 70€ a serata per 7/8 ore serali, contratto di 4 ore con annesso giorno di riposo, chiaramente mai usufruito. O campeggi ben strutturati, paga: dalle prime buste 1300€ sino all’ultima di 1700€ chiaramente senza mai giorni di riposo. Per la malattia, in riviera funziona così: l’incidente deve figurare come avvenuto in casa, altrimenti il medico deve segnare giorni di riposo. Quest’ultimo evento mi è capitato durante una delle tante stagioni, il giorno dopo l’incidente con una sutura da 5 cm alla gamba, ero dietro il bancone. A fine mese, ho preso 60€ in più poiché quei giorni andai comunque al lavoro, chiaramente senza divisa e con l’occhio vigile ad eventuali controlli. Al più avrei detto che ero dietro il banco per prendere oggetti di mia proprietà. I sindacati in questi casi si aspettano denunce che raramente arrivano, poiché occorrono i testimoni, e nessuno si sogna di farlo per non rischiare di non lavorare l’anno dopo.
Altro aspetto, durante il servizio se sei cameriere lotti per le mance. Negli alberghi grossi gli stessi si litigano i clienti, se non litigano fra di loro. Essendo io l’ultimo arrivato, venivo “recintato” in zone della sala a bassa affluenza di clienti, agli altri toccavano le zone buone, dove c’era più possibilità di prendere più mance. A mance prendevo poco, 50€ la settimana quando andava bene. Gli altri almeno il triplo/quadruplo. Delle volte succedeva che se la mancia era alta, la si divideva con la cucina. Quando andava male altri colleghi si vedevano decurtata la mancia di una somma che finiva nelle tasche del proprietario.
Guai se venivi beccato a consumare un frutto, un succhino di frutta o altro. Solo acqua. Se eri stanco, io come gli altri del ristorante, ci davamo giù con integratori e creatinina. Straordinari: tutto in nero. Se andavi bene erano 50€ per 4/5 ore (chiaramente se dovevi attaccare la mattina successiva allo straordinario non si facevano sconti all’orario di entrata). Se andavi male ti davano 30€ per 5 ore.
Tasse di ritorno dalla dichiarazione dei redditi nella busta di luglio: se non stavi attento il compenso pattuito te lo scalavano del credito dello stato quando invece dovevano essere soldi in più.

Lettera firmata

***

Sono un giovane che lavora nel mondo dell’accoglienza turistica in Toscana. Qualche anno fa mi sono trasferito in un piccolo borgo per aprire un piccolo b&b sulle colline Aretine. Purtroppo la pandemia ha messo in forte crisi la mia vita, l’incasso basta a malapena a coprire le spese d’affitto e quindi, con le riaperture dei mesi scorsi, ho ricominciato a lavorare anche come cameriere in un ristorante della zona, molto frequentato sia a pranzo che a cena. Il contratto è a chiamata, il che vuol dire che in realtà lavoro 6 giorni su 7 con orari che vanno dalle 18 alle 2/3 di notte ogni giorno. Il coprifuoco non esiste, in quanto, essendo un borgo isolato, gli ospiti si sentono autorizzati a tirare tardi e comunque, una volta battuto l’ultimo scontrino prima di mezzanotte, possono continuare a bere pagando in nero e non vanno mai via prima dell’una. Ovviamente poi resta da rassettare tutto e chiudere gli ombrelloni e sistemare lo spazio esterno. Quindi in media si fanno 6/7 ore di lavoro al giorno. Il proprietario paga 40 euro a servizio (pranzo o cena) e , se capita, devi fare entrambi nello stesso giorno, quindi con turni che vanno dalle 12 alle 14 ore in cui corri come un matto per guadagnare dai 5 ai 6 euro l’ora. Alle mie lamentele la prima risposta è stata che conveniva anche a me averle in nero per poter poi chiedere i sussidi (cosa che, qualora fosse anche vera, non toglie il loro dovere di pagarmi il giusto) e che comunque loro hanno avuto un anno orribile e ora devono recuperare (e il rischio d’impresa dove sta? io sono nella loro stessa situazione ma non è che non pago i fornitori perché devo recuperare, mi sono rimboccato le maniche e sono tornato a lavorare come cameriere, sperando in tempi migliori).
Non abbiamo il controllo delle mance in quanto il proprietario le tiene per se e le ridivide a fine mese con criteri strani e oscuri, che comunque portano ad avere un surplus di 70/100 euro, essendo le mance una prerogativa degli stranieri che ora mancano.
Inoltre, a causa del problema reale di non trovare personale per la stagione (dipeso dal fatto che veniamo sfruttati), da un mese a questa parte sono da solo in sala, con più di 50 coperti, poiché la ragazza che veniva prima e mi affiancava non si è più presentata. Questo porta a dover servire un numero enorme di persone da solo, letteralmente correndo in sala per stare dietro alla cucina e al bancone del bar e arrivando a casa distrutto.
Unico lato positivo è che ho perso 6/7 kg e sto facendo tanto cardio... ma questi ritmi sono insopportabili da tenere 6 giorni su 7. Loro sostengono che la stagione è così, lavori tanto in pochi mesi e ti riposi gli altri. Osservazione giusta se però lo stipendio di quei pochi mesi estivi riuscisse a coprire la mia vita di quelli invernali, cosa che ovviamente non è possibile.

Lettera firmata

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pubblica amministrazione, il primo concorso con la ‘formula Brunetta’ è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni

next
Articolo Successivo

Stagionali, sindacato Usb: “Sfruttamento? Così da 20 anni anche per amministrazioni complici. Ma con sussidi lavoratori possono dire no”

next