La Ferrari ha scelto il suo nuovo amministratore delegato che andrà a sostituire John Elkann che aveva assunto l’incarico ad interim a dicembre 2020, dopo le dimissioni dell’ex ad Louis Carey Camilleri. Si tratta di Benedetto Vigna, proveniente da STMicroelectronics dove attualmente è responsabile del Gruppo Analogici, Mems (Micro-electromechanical Systems) e Sensori, il più grande e remunerativo business operativo di ST nel 2020. È inoltre membro del Comitato Esecutivo del Gruppo St. A dare l’annuncio è stata la stessa casa di Maranello specificando che il nuovo amministratore entrerà a far parte del gruppo dall’1 settembre.

“Siamo felici di dare il benvenuto a Benedetto Vigna come nostro nuovo amministratore delegato. La sua profonda conoscenza delle tecnologie che guidano gran parte del cambiamento della nostra industria, le sue comprovate capacità di innovazione, l’approccio imprenditoriale e la sua leadership rafforzeranno ulteriormente Ferrari scrivendo nuovi capitoli della nostra storia irripetibile di passione e performance nell’era entusiasmante che ci attende”, ha commentato il presidente Elkann.

Di nazionalità italiana, 52 anni, ha acquisito una vasta esperienza internazionale lavorando con alcune delle società tecnologiche leader al mondo dopo aver ottenuto una laurea con lode in Fisica all’Università di Pisa. Entrato in ST nel 1995, ha fondato le attività Mems della società e ha lavorato per conquistare la leadership di ST nel mercato delle interfacce utente attivate dal movimento. Le sue responsabilità sono state ampliate alla connettività e soluzioni di imaging e power management. Ha inoltre guidato una serie di iniziative di successo in nuove aree di business, con un focus particolare nei segmenti del mercato industriale e automotive.

È un onore straordinario entrare a far parte della Ferrari come amministratore delegato e lo faccio in egual misura con entusiasmo e responsabilità – ha commentato il nuovo ad – Entusiasmo per le grandi opportunità che potremo cogliere. E con un profondo senso di responsabilità nei confronti degli straordinari risultati e delle capacità degli uomini e delle donne di Ferrari, di tutti gli stakeholder della Società e di coloro che, in tutto il mondo, provano per Ferrari una passione unica”.

“Nel suo ruolo di amministratore delegato – spiega una nota della società – la priorità di Vigna sarà assicurare che Ferrari continui a rafforzare la sua leadership come artefice delle vetture più belle e tecnologicamente avanzate al mondo. Le sue ampie conoscenze, frutto di oltre 26 anni di esperienza nel cuore dell’industria dei semiconduttori che sta rapidamente trasformando il settore automobilistico, accelererà l’abilità di Ferrari di aprire nuove strade nell’applicazione delle tecnologie di ultima generazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tasse sulle multinazionali, per Amazon potrebbe non cambiare nulla o quasi. Le nuove regole “graziano” il colosso di Bezos

next
Articolo Successivo

I superprofitti delle multinazionali tassati al 15%. Caro lettore, tu ed io non contiamo più niente

next