Un connubio fra tradizione e innovazione: è la sintesi della nuova Jeep Wrangler 4xe, edizione ibrida ricaricabile della nota fuoristrada americana. Cuore della Wrangler 4xe è la sofisticata trasmissione elettrificata, che la rende idonea tanto all’uso fuori dal nastro d’asfalto tanto a quello urbano, dove l’auto è in grado di viaggiare in modalità 100% elettrica per circa 50 km (omologati secondo il ciclo Wltp), a emissioni zero allo scarico. I consumi dichiarati sono pari a circa 3,5 litri/100 km in modalità di marcia ibrida.

La meccanica si avvale di due motogeneratori elettrici, un pacco batteria da 17 kWh, un motore turbobenzina di 2 litri e la collaudata trasmissione automatica a otto marce. La tecnologia “4xe”, peraltro, permette alla Wrangler elettrificata di viaggiare a quattro ruote motrici anche sfruttando la sola spinta fornita dal motore elettrico. La potenza massima di sistema è pari a 380 CV, mentre la coppia motrice ammonta a 637 Nm.

Numeri che garantiscono a questa Jeep sprint abbastanza gagliardi: il canonico 0-100 all’ora è coperto in 6,4 secondi. Veloce anche la ricarica: per farne una completa servono meno di 3 ore da una wallbox da 7,4 kWh. A seconda degli allestimenti, sono disponibili due sistemi di trazione integrale (denominati “Selec-Trac” o “Rock-Trac”), assali Dana next-generation, bloccaggi elettrici dei differenziali anteriore e posteriore Tru-Lock, differenziale a slittamento limitato Trac-Lok e barra stabilizzatrice anteriore a scollegamento elettrico. In altre parole, tutto ciò che può servire per affrontare i terreni più accidentati.

Inoltre, grazie alla funzione di “Max Regen”, è possibile aumentare la carica della batteria quando si procede in modalità di veleggiamento. Negli allestimenti Sahara, Rubicon e 80° anniversario, la nuova Jeep Wrangler 4xe sarà disponibile nelle concessionarie Jeep dei principali Paesi europei nel mese di giugno. Prezzi da 69.550 euro.

Articolo Precedente

Manta ElektroMod, il classico di Opel diventa elettrico – FOTO

next
Articolo Successivo

Dal formato mignon al Suv, ecco perché lo sport utility by Smart è cosa buona e giusta – FOTO

next