Venne lanciata più di mezzo secolo fa la Opel Manta, configurandosi come un coupé dalle credenziali stilistiche che, per certi versi, strizzavano l’occhio alla muscle-car d’oltreoceano. Ora Opel ha deciso di rimettere mano al progetto attraverso un interessante restomod, ovvero un’operazione di restauro con contestuale ammodernamento estetico e tecnico.

Anzi, per dirla con le parole di Opel, si tratta di un “ElektroMod”: infatti, al posto del motore termico quattro cilindri originale c’è un più moderno propulsore elettrico da 147 Cv di potenza massima e 255 Nm di coppia motrice, collegato alle ruote posteriori di trazione attraverso una trasmissione manuale a quattro marce. Anche se, come spiega il costruttore, chi guida può scegliere di inserire manualmente i rapporti “oppure può semplicemente mettere la quarta e viaggiare automaticamente”.

Ad alimentare la meccanica c’è una batteria da 31 kWh, che consente di raggiungere un’autonomia media intorno ai 200 chilometri, che beneficia pure dell’energia recuperata in frenata e successivamente accumulata nella batteria. Quest’ultima può essere ricaricata con il caricatore di bordo da 9,0 kW in corrente alternata monofase e trifase (ci vogliono meno di quattro ore per ricaricarla completamente).

All’anteriore, poi, debutta la mascherina “Vizor”, divenuta elemento distintivo delle Opel di ultima generazione e ispirata proprio alla Manta primigenia: incorpora nuovi gruppi ottici a led a forma di “L”. La vernice “giallo neon” fa perfettamente pendant col cofano nero. I passaruota ospitano cerchi di lega da 17 pollici, appositamente disegnati e prodotti da Ronal, gommati con pneumatici anteriori 195/40 R17 e posteriori 205/40 R17. Pensionati i paraurti originali cromati, proprio come avvenne in passato anche su molte versioni da corsa e da tuning.

All’interno, invece, spicca un’inedita strumentazione digitale, basata su due schermi touch da da 12” e 10”, orientati verso il guidatore e su cui compaiono informazioni importanti sulla vettura, come il livello di carica e l’autonomia. La musica si diffonde attraverso un box Bluetooth del leggendario marchio di amplificatori Marshall. E non mancano dettagli come i sedili sportivi con linea decorativa centrale gialla o il volante Petri a tre razze, rielaborato da Opel. Le superfici del posto guida e dei pannelli delle portiere sono di color grigio opaco, in abbinamento con gli altri elementi gialli e neri. Infine, il padiglione dell’abitacolo è rivestito di Alcantara e rende ancora più sofisticata questa Manta ElektroMod.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porsche Macan, la versione 100% elettrica inizia i test stradali

next
Articolo Successivo

Jeep Wrangler 4xe: debutta la tecnologia ibrida plug-in

next