Negli ultimi giorni tonnellate di pesce sono state ritrovate morte sulle rive di un lago artificiale altamente inquinato nel Libano orientale. Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato la morte dei pesci del lago Qaraoun, sul fiume Litani. Secondo un rapporto preliminare un virus avrebbe ucciso solo le carpe nel lago, ma l’ipotesi è quella che la morte potrebbe anche essere stata causata dall’inquinamento dell’acqua stessa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery plan, dai fondi per le comunità energetiche agli obiettivi (poco chiari) sulle rinnovabili: cosa c’è davvero per la transizione ecologica. I dubbi degli ambientalisti

next
Articolo Successivo

Pesaro-Urbino, la Regione Marche blocca la costruzione del mega allevamento intensivo da 2 milioni di polli all’anno

next